Per tutti coloro che non credono nel riscaldamento globale, arriva un nuovo dato oggettivo a minare le loro certezze: il mese di novembre scorso è stato quello che ha fatto registrare le temperature più alte della storia. Per trovare un novembre così caldo bisogna risalie addirittura al 1880.

I dati provengono dalla National Oceanic and Atmospheric Administration, un organo governativo degli Stati Uniti. Secondo i dati dell’amministrazione americana la media della temperatura globale è stata di 13,7 gradi Celsius, circa 1,4 gradi superiore alla media del XX secolo.

Ma non finisce qui. A preoccupare gli scienziati c’è il fatto che non si tratta di un episodio isolato. Se gli altri anni fossero stati nella media e questo fosse un eccezione, non ci sarebbe nulla di preoccupante. E invece, secondo gli esperti che effettuano queste rilevazioni tutti gli anni, quello appena finito è stato il 37° novembre consecutivo con temperature superiori alla media. Per trovare un mese di novembre che ha fatto registrare meno di 12,3 gradi bisogna arrivare fino al lontano 1976. Considerando invece l’intero anno, è il 345° mese consecutivo che ha temperature superiori alla media. Anche qui per trovare un mese in cui questa catena si spezza bisogna retrocedere di ben ventinove anni.

Secondo la NOAA il punto più caldo del mondo a novembre è stata l’Eurasia, ovvero l’area a metà tra Europa e Asia, e la nazione che ha fatto registrare la temperatura più elevata, rispetto alla media, è stata la Russia che ha stabilito il record per il mese di novembre. Temperature superiori alla media sono state riscontrate anche nell’America Centrale e nell’Oceano Indiano.

19 dicembre 2013
Fonte:
I vostri commenti
Giuliano Ceradelli, venerdì 20 dicembre 2013 alle9:18 ha scritto: rispondi »

E’ molto strano, come la NOAA ami concentrarsi su una singola regione l'Eurasia e la Russia, gonfiando i dati della temperatura in quella zona per provare il riscaldamento trascurando volutamente il resto del pianeta, come ad esempio l’intero Medio Oriente e parte dell’Africa settentrionale che sono affetti da gravi condizioni invernali. Il Cairo la scorsa settimana ha visto la sua prima nevicata dopo 112 anni. Gerusalemme ha visto la sua peggiore tempesta di neve dopo quasi 70 anni, ecc. ecc.

Lascia un commento