La superficie dei ghiacciai artici continua a diminuire a causa dell’aumento delle temperature superficiali registrato nella regione e del surriscaldamento degli oceani. A rivelarlo è un recente studio pubblicato dalla NASA e dal National Snow and Ice Data Center, un istituto di ricerca sostenuto dall’agenzia spaziale americana specializzato nel monitoraggio dei ghiacciai.

I dati rilevati dagli scienziati sono preoccupanti: per il secondo anno consecutivo l’estensione dei ghiacciai artici ha registrato un record negativo. La superficie il 24 marzo scorso ha raggiunto quota 14,52 milioni di chilometri quadrati, scendendo ulteriormente rispetto ai 14,54 milioni di chilometri quadrati registrati lo scorso anno nello stesso periodo.

I ghiacciai nei mesi autunnali e invernali dovrebbero recuperare la superficie persa a primavera e in estate. Gli inverni sempre più caldi stanno però rallentando il processo di rigenerazione dei ghiacciai. Quest’anno anche le correnti calde provenienti da Sud che hanno soffiato sull’Artico nei mesi di gennaio e febbraio hanno rallentato la formazione di nuovi ghiacciai.

Gli scienziati della NASA fanno notare che negli ultimi 13 anni a causa dei cambiamenti climatici si sono registrati i valori più bassi di estensione dei ghiacciai alla fine della stagione invernale, quando la superficie dovrebbe raggiungere il picco massimo. Secondo Walt Meier, uno degli autori dell’analisi, nei prossimi anni il quadro è destinato a peggiorare:

In futuro le temperature superficiali in continuo aumento e gli oceani sempre più caldi impediranno ai ghiacciai di estendersi verso Sud come avveniva in passato.

L’estensione dei ghiacciai marini può variare molto ogni anno perché è strettamente influenzata dalle condizioni climatiche invernali. Ciononostante stiamo assistendo a una significativa tendenza al ribasso dovuta al surriscaldamento dell’atmosfera e delle acque oceaniche.

Dal 1979, anno in cui è iniziato il monitoraggio dell’estensione dei ghiacciai dai satelliti, si sono persi oltre un milione e 600 mila km quadrati di ghiacciai, pari a una superficie di oltre due volte quella del Texas. Lo scioglimento dei ghiacciai preoccupa la comunità scientifica perché accelera il riscaldamento globale.

La superficie bianca dei ghiacciai serve a riflettere i raggi solari, impedendo un assorbimento eccessivo del calore da parte della Terra.

Senza il ghiaccio a fare da schermo le temperature artiche continueranno ad aumentare portando a una maggiore evaporazione. La formazione di nubi sulle regioni artiche provocherà un ulteriore aumento delle temperature. Le nuvole da un lato riflettono i raggi solari raffreddando la superficie terrestre, dall’altro formano una sorta di cappa che mantiene alte le temperature superficiali notturne favorendo il disgelo.

29 marzo 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
murone marcello, martedì 29 marzo 2016 alle17:32 ha scritto: rispondi »

Carissimo Marco, sono d'accordo con te per la tua inserzione, ma da parecchio tempo che il tutto noi l'avevamo previsto e ogni anno che passa sarà sempre peggio e non sai a che cosa andiamo incontro, con temperature afose e con bombe d'acqua improvvise. quando ci si accorge che stiamo sbagliando sarà troppo tardi.

Lascia un commento