Al via il 27 febbraio il Bando Habitami 2017 per la riqualificazione energetica gratuita degli edifici residenziali. Un’iniziativa che permetterà di risparmiare sul costo degli interventi, con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio edilizio italiano.

=> Riqualificazione energetica condomini, scopri i vantaggi dell’isolamento a cappotto

Potranno concorrere al bando di Habitami 2017 per la riqualificazione a costo zero degli edifici sia le strutture private che quelle pubbliche che rispettino i requisiti richiesti. Si tratta di una “iniziativa forte”, spiegano gli organizzatori, al fine di:

Aprire il mercato dell’efficienza energetica trasparente e accessibile in Italia e con l’obiettivo di facilitare l’incontro tra domanda e offerta.

=> Leggi punti di forza e criticità dell’ecobonus efficienza energetica condomini

Una strategia ben definita, spiegano gli organizzatori del bando Habitami 2017, che interesserà tutto il territorio nazionale:

La strategia di Habitami muove nella direzione di informare e proporre la riqualificazione energetica degli Edifici, tra impianto e involucro edilizio, con l’uso di fonti rinnovabili per abitare ecosostenibile su tutto il territorio nazionale.

Il Manifesto “Service Energy Retrofit Plus” muove nella direzione di declinare con chiarezza che la reale opportunità è generare comfort abitativo e creare valore sostenibile con interventi sull’involucro edilizio in quanto la campagna ha come oggetto privilegiato l’innovazione e la realizzazione di buone pratiche per abitare e vivere ecosostenibile.

I criteri di valutazione

  • Ubicazione dell’Edificio;
  • Classe energetica attuale;
  • Merito creditizio: amministratore e/o proprietario e/o gestore e abitanti;
  • Disponibilità a garantire parte del valore dell’investimento;
  • Regolarità dei pagamenti delle forniture di energia;
  • Incidenza del valore degli impianti proporzionata al valore dell’investimento totale;
  • Tipologia di combustibile utilizzato;
  • Disponibilità da parte dell’amministratore e/o proprietario e/o gestore e degli abitanti a fornire i dati relativi ai consumi energetici.

21 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento