Rinunciare all’auto, preferendo i mezzi pubblici o la bici, permette di ridurre l’inquinamento, decongestionando il traffico in città e sulle autostrade. Oltre ai benefici per la salute pubblica, i cittadini che lasciano l’auto in garage risparmiano migliaia di euro ogni anno. Secondo una recente indagine condotta negli Stati Uniti in media il risparmio generato dalla rinuncia alla macchina si aggirerebbe infatti sui 10 mila dollari all’anno, pari a oltre 7 mila euro.

Nello specifico, l’analisi, condotta dall’APTA, l’American Public Transportation Association, ha rivelato che in 16 delle 20 città più grandi degli Stati Uniti prendere i mezzi pubblici per spostarsi frutterebbe mediamente un risparmio di 10 mila dollari pro capite ogni anno. In tutte e venti le città prese in esame, il risparmio medio sarebbe leggermente superiore, pari a 10.181 dollari. In alcune città, come New York, la media lieviterebbe ulteriomente a ben 15 mila dollari, pari a circa 11 mila euro.

Il calcolo dell’APTA ha tenuto conto dei costi dei biglietti dei trasporti pubblici e degli abbonamenti mensili in ogni città presa in esame. Per quanto riguarda le spese sostenute per il possesso di un’auto, oltre all’acquisto ovviamente, sono stati presi in considerazione parametri variabili come il costo del carburante, della manutenzione, degli pneumatici e delle riparazioni. A questi oneri sono stati aggiunti dei costi fissi, come l’assicurazione, la licenza, le tasse e il deprezzamento dell’auto. Tra le altre voci di spesa per il possesso di un’automobile prese in esame figurano i costi dei parcheggi, soggetti a variazioni da città a città.

La stima sui chilometri percorsi ogni anno in media da ogni automobilista è stata di circa 24 mila chilometri. L’APTA ha messo a disposizione uno strumento ancora più preciso sul suo portale che permette di calcolare quanto si risparmierebbe rinunciando all’automobile, in base alle proprie abitudini di guida. Certo, per rinunciare all’auto, occorre vivere in luoghi che offrono trasporti pubblici puntuali, efficienti ed economici. Le città, in questo caso, partono sicuramente in vantaggio rispetto alle località più periferiche, d’altro canto nei piccoli centri spostarsi in bici o a piedi è più semplice e spesso meno pericoloso.

Chi si sposta dai piccoli centri verso le grandi città tutti i giorni per lavoro può arrivare a spendere oltre 43 mila dollari all’anno solo in carburante, pari a 21.500 euro. A conti fatti, in questi casi, cercare un’alternativa alle quattro ruote diventa più che una scelta ragionevole, una vera e propria necessità.

3 giugno 2014
Fonte:
Lascia un commento