La recente dipartita del rinoceronte bianco settentrionale Suni ha gettato nel panico gli esperti: gli esemplari ora in circolazione sarebbero solo sei. La specie è in via di estinzione, la morte del trentaquattrenne esemplare maschio ridurrebbe drasticamente la speranza di vita legata alla riproduzione di questi animali. Suni è stato rinvenuto cadavere solo venerdì scorso presso il parco e riserva naturale Ol Pejeta Conservancy, in Kenya. Ancora oscure le cause del decesso: l’animale non è risultato vittima di qualche cacciatore di frodo, presto verrà effettuata l’autopsia presso il Kenya Wildlife Service.

Il rinoceronte, uno dei due maschi rimasti, con la sua morte riduce drasticamente il numero di capi in vita e in serio pericolo di estinzione. Come sostiene l’Ol Pejeta Conservancy, il bracconaggio e la caccia di frodo hanno diminuito drasticamente le aspettative di vita della specie, frutto dell’avidità e del commercio illegale. Suni è stato il primo rinoceronte bianco a nascere in completa cattività, con lo scopo e la prospettiva di aumentare il numero di simili in circolazione. Ha visto la luce nello zoo di Dvur Kralove nel 1980, ma successivamente è stato spostato in Kenya nel 2009. La struttura ospitante, dove l’animale è deceduto, è una riserva naturale utile per favorire il contatto con la vita selvaggia e la riproduzione.

Migliaia invece gli esemplari di rinoceronte bianco meridionale che risultano a piede libero nelle pianure dell’Africa sub-sahariana, ma per loro è sempre presente la minaccia legata alla caccia e all’illegalità. Obiettivo dell’uccisione un tempo era solo quella del diletto legata al safari, a cui ora si è aggiunta la necessità di procurarsi il corno posto sul muso per la produzione di pugnali, medicinali, gioielli e rimedi afrodisiaci. Queste le parole dell’Ol Pejeta Conservancy:

Noi continueremo a fare il possibile per lavorare con i restanti tre animali presso Ol Pejeta, nella speranza che i nostri sforzi possano garantire presto un risultato: la nascita di un esemplare di rinoceronte bianco del nord.

21 ottobre 2014
Lascia un commento