Rinnovabili: solare ed eolico al 20% in Turchia entro il 2026

La Turchia punta in maniera decisa sulle energie rinnovabili. A sostenerlo un rapporto presentato oggi dallo SHURA Energy Transition Center, nuovo think tank turco fondato dalla European Climate Foundation, da Agora Energiewende e dall’Istanbul Policy Centre dell’Università di Sabanci. Un progressivo processo di decarbonizzazione che vedrà il solare e l’eolico in prima fila e che favorirà il pieno ingresso turco all’interno del mercato interno UE dell’elettricità.

Attualmente le rinnovabili in Turchia offrono una potenza di 20 GW, mentre secondo il rapporto SHURA “Increasing the Share of Renewables in Turkey’s Power System: Options for Transmission Expansion and Flexibility” l’obiettivo al 2026 è di raddoppiare la quota portandosi a 40 GW: così facendo la nazione arriverebbe a generare il 20% dell’elettricità totale proprio da solare ed eolico, per la cui crescita ha stanziato lo scorso anno 2,4 miliardi di dollari, senza necessità di investimenti nel sistema di trasmissione (oltre a quelli già previsti).

=> Leggi l’ultimo rapporto Irex sulle rinnovabili

Un interesse sul fronte turco è stato espresso dall’UE anche nel 2015, con il via libera all’ingresso della Turchia alla ENTSO-E, Rete Europea dei Gestori di rete dei sistemi di trasmissione di energia elettrica. Dal punto di vista degli investimenti privati diverse grandi aziende si sono interessate allo sviluppo delle rinnovabili turche: lo scorso anno aziende europee come Vestas, Enercon, Nordex, Senvion e Siemens hanno partecipato a una gara d’appalto per la produzione di 1 GW di energia eolica, con l’assegnazione finale che ha visto affermarsi Siemens con un progetto del valore di 1 miliardo di dollari.

=> Scopri di più sulla produzione energetica 100% rinnovabili del Portogallo

Il sistema energetico turco è indicato da Deger Saygin, direttore dello SHURA Energy Transition Centre, come a un punto di svolta. Secondo l’esperto la Turchia parrebbe possedere le capacità per affermarsi tra i leader del settore. Come ha dichiarato Saygin:

Questo segna un punto di svolta per operatori di sistema, autorità pubbliche, energy planners e investitori. Questo rapporto offre un punto di luce nella trasformazione in larga scala della transizione del settore energetico turco. La Turchia ha il potenziale per diventare un leader nella ridefinizione del settore energetico e questo studio mostra che il sistema energetico turco ha la capacità di gestire questa transizione.

9 maggio 2018
Lascia un commento