Il rapporto mensile di Terna relativo al febbraio 2017 risulta utile per comprendere come sta cambiando ed evolvendo il settore dell’energia in Italia. Il primo dato che ne emerge è una riduzione dei consumi pari al 3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno (-2,8% al nord, -3,6 al centro e -3,1% al sud), complici anche temperature meno rigide di quanto atteso.

=> In calo il peso degli incentivi alle rinnovabili sulle bollette, leggi i dati del GSE

Da tenere inoltre in considerazione che il 2016 era un anno bisestile, dunque con un giorno in più da considerare ai fini della valutazione. La punta di potenza è stata registrata in occasione della giornata del 9 febbraio, ancora più precisamente alle ore 19:00, con 50.968 MW (-1% sull’anno precedente) richiesti:

Nel mese di febbraio 2017, la domanda di energia elettrica è stata di 24.928 GWh, in flessione rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (-3%). In particolare si registra una considerevole riduzione del saldo estero (-31%), una flessione della produzione da fonti energetiche rinnovabili (-14%) e un aumento della produzione termoelettrica (+11%) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

=> Scopri perché il futuro dei carburanti solari rinnovabili è nell’acqua

Prendendo invece in considerazione la produzione legata allo sfruttamento delle fonti rinnovabili, nel mese scorso ha coperto circa il 30,9% della quota complessiva a livello nazionale andando a soddisfare il 27,2% della domanda.

Segno negativo rispetto allo stesso periodo del 2016 (-1,1 TWh) causato in primis dal brusco rallentamento degli impianti eolici (addirittura -30%) e da quello fatto registrare nel campo dell’idroelettrico (-14%). È in controtendenza il fotovoltaico, che prendendo in considerazione il solo mese di febbraio segna un +3% se confrontato con il 2016.

Terna sottolinea inoltre come in febbraio si sia registrato un aumento della produzione termoelettrica (+11%). In definitiva, per il periodo analizzato l’energia elettrica richiesta in Italia è stata coperta per il 87,2% da produzione nazionale al netto dei pompaggi (+3,1% della produzione netta rispetto a febbraio 2016) e per la quota restante da importazioni, con un saldo estero pari a -30,9% rispetto a febbraio 2016.

22 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Giuliano, mercoledì 22 marzo 2017 alle15:11 ha scritto: rispondi »

Sono iscritto da alcuni anni .vorrei capire il motivo che gli interessati non ,oppure ,considerano poco valido queste energie. Sono un consulente in fase di dovere lasciare le mie conoscenze dentro a un sacco ,non visibile speravo di poter trovare un responsabile che potesse continuare . Buon proseguo a tutto il vostro staff. Questa energia mi retribuisce i costi. in tutti i sensi,

Lascia un commento