IRENA (International Renewable Energy Agency) ha reso disponibile online la nuova versione 3.0 del suo atlante, liberamente accessibile con e senza registrazione (in ogni caso gratuita). Si tratta di una risorsa incredibilmente ricca e completa, destinata a tutti coloro che desiderano studiare il rapporto fra i territori e le opportunità legate allo sfruttamento delle fonti rinnovabili, per chi si appresta a installare un nuovo impianto (domestico, industriale ecc.) oppure più semplicemente per i curiosi e gli interessanti al tema.

=> Rinnovabili presente e futuro dell’energia secondo IRENA, leggi perché

Sono moltissimi i dati aggregati, provenienti da un gran numero di agenzie a livello nazionale e internazionale. Si può ad esempio effettuare una simulazione accurata in modo da poter capire, sulla base dei dati raccolti in passato, quanto sarà la resa prevista di un impianto fotovoltaico o eolico, ovvero le sue prestazioni una volta reso operativo, specificando variabili come l’affiancamento di batterie dedicate all’accumulo dell’energia prodotta e altro ancora. Focus anche sull’impiego delle biomasse, dell’idroelettrico, la geotermia, le correnti marine ecc.

Nell’immagine allegata è possibile osservare ad esempio le aree dello Stivale in cui lo scorso anno si è registrata una velocità media del vento più elevata a 75 metri sopra il livello del mare. Le informazioni possono essere scaricate e consultate comodamente anche offline, così come sfruttate per studi, ricerche e altri utilizzi in ambito accademico.

Per quanto riguarda in particolare il territorio italiano, a fornire i dati è stato RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), mentre JRC Science Hub si è occupato della Comunità Europea e NREL (National Renewable Energy Laboratory) degli Stati Uniti.

Come detto in apertura, per chi desidera accedere ad alcune funzionalità avanzate dell’atlante (come il download dei dati o le simulazioni) è necessario registrarsi al portale, in modo del tutto gratuito.

7 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento