Calano gli investimenti mondiali nel settore delle energie rinnovabili. Il dato arriva dal Bloomberg New Energy Finance (BNEF), secondo il quale, nel 2012, il giro d’affari su scala mondiale si è ridotto del 12% rispetto all’anno precedente. Le cause, sostengono gli analisti, andrebbe ricercata soprattutto nel taglio degli incentivi operato dalla maggior parte degli stati occidentali.

Una tendenza che non ha risparmiato neanche l’Italia, anzi. Nel nostro Paese, il calo degli investimenti è stato addirittura del 51%, con conseguenze prevedibili sull’intero comparto industriale. In totale, riferisce il BNEF, nel mondo sono stati investiti nelle rinnovabili 268,7 miliardi di dollari nel 2012, una cifra ancora importante (la seconda della storia), ma inferiore al record di 302 miliardi registrato l’anno precedente.

>>Leggi l’orientamento del mercato per gli investimenti nelle rinnovabili italiane

Commenta Michel Liebreich, dirigente del Bloomberg New Energy Finance:

Sapevamo che il 2012 sarebbe stato al di sotto del livello del 2011, ma le voci sulla “morte” degli investimenti nell’energia pulita sono state comunque fortemente esagerate. L’aspetto più sorprendente, anzi, è che il declino non sia stato ancora più forte, viste le turbolenze alle quali le energie rinnovabili sono state sottoposte nel 2012 a causa delle incertezze sulle politiche di sostegno, la crisi in corso in Europa e il continuo calo dei costi delle tecnologie.

Il settore, dunque, arretra ma non crolla. Tiene in particolare il mercato cinese, dove anzi gli investimenti sono aumentati del 20%, ed esplode quello sudafricano, sostanzialmente inesistente nel 2011 (l’anno scorso, invece, sono stati investiti nelle rinnovabili 5,5 miliardi di dollari).

Segno negativo, invece, per Stati Uniti (-32%), India (-44%), Francia (-35), Regno Unito (-17%) e Germania (-27%). Letteralmente crollato il mercato spagnolo, con un calo annuo degli investimenti del 68%, legato al taglio degli incentivi e alla crisi più generale che ha investito il paese.

15 gennaio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento