Rinnovabili: in Europa la metà proviene da legno e derivati

Quasi la metà dell’energia rinnovabile utilizzata nei paesi europei proviene dal legno e da suoi derivati. Lo rivelano gli ultimi dati diffusi dall’Eurostat, secondo i quali, di tutta l’energia pulita utilizzata in Europa nel 2010, ben il 49% proveniva da biomasse cellulosiche di vario tipo.

Rispetto al totale dei consumi energetici UE, legno e derivati rappresentano ormai il 5%. Una tendenza ancora più enfatizzata nei paesi nordici e dell’est europeo, dove la disponibilità di materie prime cellulosiche è maggiore. In Estonia, ad esempio, il 96% dell’energia rinnovabile usata proviene dal legno. Seguono la Lituania, con l’88%, e la Finlandia, con l’85%.

Molto diversa la situazione nei paesi mediterranei, inclusa l’Italia, dove nel 2010 legno e derivati hanno rappresentato il 24% delle fonti rinnovabili utilizzate. Tornando alla scala europea, il 21% dei 429 milioni di metri cubi di legno prodotti nel 2011 è stato utilizzato per scopi energetici.

Una percentuale che sale al 74% per l’Italia, al 72% per la Grecia e al 52% per l’Ungheria. Il rimanente 26% del legname prodotto nel nostro paese lo scorso anno è stato invece usato per impieghi industriali.

3 dicembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento