Il futuro per le rinnovabili sembra avere ancora il segno positivo. Secondo i dati raccolti dal Grant Thornton International Business Report le aziende mondiali guarderebbero al settore ancora in ottica espansiva, nonostante casi di chiusure eccellenti sia negli USA che in Germania abbiano contribuito a diffondere non poco allarmismo.

Nel confronto con le imprese degli altri settori industriali, le rinnovabili mostrano mediamente più propensione alla crescita e più disponibilità ad investire nell’area “ricerca e sviluppo”. Non solo, le aziende che fanno parte del segmento “cleantech” dichiarano una maggiore propensione all’aumento nei prossimi 12 mesi dello stipendio della propria manodopera specializzata, motivata anche dall’assoluta scarsità di addetti. Circa il 38% motiverebbe una possibile mancata crescita futura proprio con la difficoltà di reperire lavoratori qualificati (28% negli altri settori).

La Grant Thornton ha condotto l’indagine su 3.000 imprese industriali di vari settori, tra cui le rinnovabili. Scorrendo i dati contenuti raccolti poi nell’International Business Report (IBR) si può evidenziare come siano le stesse imprese a garantire per le fonti pulite una situazione di sostanziale stabilità e delle prospettive future fatte di crescita ed espansione.

Vediamo alcuni esempi in particolare. Il 68% delle ditte impegnate nelle rinnovabili prevede un aumento dei ricavi entro l’anno, mentre gli altri settori si fermano al 52%. Per quanto riguarda gli utili le percentuali sono invece del 62% (fonti pulite) opposto al 38% (altri comparti). Particolarmente indicativi i dati sulla propensione ad investire in impianti e macchinari (51% rinnovabili contro il 38% delle altre imprese) oltre che nel settore ricerca e sviluppo (52% contro il 25%).

Dati piuttosto incoraggianti per il settore rinnovabili secondo Stefano Salvadeo. partner Studio Bernoni Professionisti Associati, member firm di Grant Thornton International Ltd.:

I dati registrati dall’ultimo International Business Report sono confortanti, perché dipingono lo stato dell’arte di un settore promettente che si rivela all’altezza degli investimenti e degli sforzi in research&development impiegati da molte economie, emergenti e non.

Quello del cleantech è un settore in continua evoluzione: gli studiosi ricercano nuove tecnologie da applicare alle fonti energetiche per poterne sfruttare al meglio il potenziale, come nel caso dell’energia marina che avrà in futuro un ruolo sempre più centrale.

4 settembre 2012
Lascia un commento