Il GSE (Gestore Servizi Energetici) ha reso noto che il 31 luglio è stato aggiornato il Contatore degli oneri, ovvero del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi, riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici.

Il costo indicativo annuo è risultato di 5,736 miliardi di euro, 14 milioni in più rispetto al 30 giugno. Le tipologie di incentivi presi in considerazione dal GSE sono:

  • Le Tariffe CIP 6/92 (CIP6);
  • I Certificati Verdi (CV);
  • Le Tariffe Onnicomprensive ai sensi del D.M. 18/12/2008 (TO);
  • Il Conto Energia Solare Termodinamico (CSP);
  • Gli incentivi introdotti dal D.M. 6/7/2012 (incentivi variabili in funzione del prezzo dell’energia o tariffe onnicomprensive).

Risultano mancare 64 milioni al raggiungimento dei 5,8 miliardi, stabilito dall’art. 3 del D.M. 6/7/2012 come tetto annuo, ma c’è da considerare che il nuovo decreto dovrebbe introdurre una nuova metodologia di conteggio.

Quando il decreto entrerà in vigore il costo degli impianti vincitori di aste e registri non verrà più attribuito alla data di svolgimento del registro, ma alla presunta data di entrata in esercizio, in tal modo si dovrebbe arrivare ai 5,8 miliardi in molto più tempo. Ci sono a tutt’oggi impianti che pur avendo ottenuto il diritto all’incentivazione con aste e registri non sono ancora stati realizzati. Secondo il nuovo contatore il loro costo verrà attribuito al futuro.

Il tal modo secondo i calcoli le risorse dovrebbero essere garantite fino alla fine del 2016. Tutto in linea teorica, perché il nuovo decreto non è ancora stato pubblicato. Informazioni che circolano parlano però di bozza definitiva e dell’attesa di pochi mesi per la sua pubblicazione ufficiale.

10 settembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
GSE
I vostri commenti
renzo, venerdì 18 settembre 2015 alle1:12 ha scritto: rispondi »

Data pari a zero l'affidabilita' del sistema italietta,se sei ancora in tempo,molla tutto! Il GSE ha pagato per il 1' semestre 2015 la corrente da me conferita da fotovoltaico: 85% in meno sul 2014! C'e' un decreto legge che rende tutto legale.

Michele , giovedì 10 settembre 2015 alle19:34 ha scritto: rispondi »

Sto costruendo un impianto idroelettrico iscritto nei registri gse 2015 ma rimasto in graduatoria . Secondo voi ci sono buone probabilità di rientrare negli incentivi, visto che le spese di costruzione sono molto alte ? Cordiali saluti Michele

Lascia un commento