Ridurre le emissioni, incentivare la decarbonizzazione dell’economia, proporre modelli di sviluppo economico alternativi e sostenibili: sono questi i principali obiettivi del coordinamento FREE, nato venerdì 13 dicembre dall’unione di oltre venti associazioni di settore. FREE è l’acronimo di coordinamento Fonti Rinnovabili e Efficienza Energetica. La sede del coordinamento è a Roma in Via Genova, 23 mentre il portale che raccoglierà i documenti e la mission del movimento è ancora in costruzione.

La nascita di FREE era stata programmata a marzo scorso, nell’ambito dei lavori preparatori degli  Stati Generali delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica promossi dal Kyoto Club e da ISES Italia.  Nel corso degli incontri, tra le associazioni di settore, maturò la consapevolezza della necessità di organizzarsi in un fronte compatto. La coesione, infatti, rende i diversi esponenti con un ruolo chiave nella svolta rinnovabile più forti e determinanti nei colloqui con le istituzioni e i Ministeri coinvolti nella pianificazione della strategia energetica del Paese.

>> Leggi le novità della Strategia Energetica Nazionale

Attualmente hanno aderito al coordinamento FREE:

  • AES – Azione Energia Solare;
  • AGESI – Associazione Imprese di Facility Management ed Energia;
  • AICARR – Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione;
  • AIEL – Associazione Italiana Energie Agroforestali;
  • ANEST – Associazione Nazionale Energia Solare Termodinamica;
  • ANEV – Associazione Nazionale Energia dal Vento;
  • ANIE/GIFI – Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane;
  • ANIT – Associazione Nazionale per l’isolamento Termico e Acustico;
  • ANTER – Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili;
  • ASSIEME – Associazione Italiana Energia Mini Eolica;
  • ASSOLTERM – Associazione Italiana Solare Termico;
  • ATER – Associazione Tecnici Energie Rinnovabili;
  • CIB – Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione;
  • COGENA – Associazione Italiana per la promozione della Cogenerazione;
  • COMITATO IFI  – Industrie Fotovoltaiche Italiane;
  • CONFAGRICOLTURA – AGROENERGIA;
  • CPEM – Consorzio dei produttori di energia da minieolico;
  • GBC Italia – Green Building Council Italia;
  • GIGA – Gruppo Informale per la Geotermia e l’Ambiente;
  • ITABIA – Associazione Italiana Biomasse;
  • KYOTO CLUB;
  • MSA – Movimento per lo Sviluppo energie Alternative.

FREE può inoltre contare sull’appoggio di diversi enti e associazioni iscritti come sostenitori, attori che pur non avendo ruoli decisionali condividono la mission del neonato coordinamento. Fanno parte del Comitato di Gestione in carica per tutto il 2013 Marino Berton, Gianni Silvestrini, Marco Pezzaglia, Alessandro Caffarelli, Livio De Santoli, GB Zorzoli e Simone Togni. Le associazioni e i sostenitori di FREE si riuniranno a fine gennaio 2013 per elaborare un position paper da presentare ai leader politici, contenente tutte le richieste delle associazioni di categoria per incentivare il settore. Nel corso del convegno si discuterà inoltre delle opportunità e dei punti critici delle nuove normative sulle energie rinnovabili termiche e sull’efficienza energetica.

Foto | The russians are here su Flickr

17 dicembre 2012
Lascia un commento