Nel 2013 in Italia le fonti rinnovabili hanno coperto il 16,7% dei consumi complessivi di energia. A rivelarlo è il Gestore dei Servizi Energetici in un recente report dal titolo “Energia da fonti rinnovabili in Italia – 2013″.

Secondo il GSE nel 2013 il consumo complessivo di energia in Italia è stato di 124 Mtep. Le rinnovabili hanno prodotto energia per 20,7 Mtep, facendo segnare un incremento del 5,7% rispetto al 2012. A usufruire maggiormente dell’energia pulita prodotta dalle fonti rinnovabili è stato il settore termico che ha utilizzato il 51% della quota complessiva prodotta in Italia.

Il comparto elettrico ha consumato una fetta del 43% dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, mentre i biocarburanti si sono fermati a quota 6%. Grazie ai 600 mila impianti alimentati da fonti rinnovabili installati in Italia, nel 2013 sono stati prodotti complessivamente 9,6 Mtep.

Nel dettaglio il 44% della produzione da FER è stata coperta dalla fonte idraulica; il 21% dal solare; il 16% dalle bioenergie; il 14% dall’eolico e il 6% dal geotermico. Il settore termico ha invece consumato 10,6 Mtep di energia perlopiù attraverso stufe, pannelli solari e impianti di teleriscaldamento alimentati da biomasse.

Per la prima volta il GSE ha incluso nel rapporto anche i dati sull’impiego di fonti rinnovabili nel settore trasporti. Nel 2013 i biocarburanti hanno fornito energia per 1,25 Mtep. Dal biodiesel è arrivata la fetta maggiore, pari al 94% del totale.

Anche se nel 2013 i consumi di energia italiani si sono attestati sui livelli più bassi degli ultimi 10 anni, a quota 124 Mtep, il GSE si mostra fiducioso e sottolinea che l’Italia sta facendo enormi progressi per integrare una fetta sempre maggiore di fonti rinnovabili nel suo bilancio energetico:

La quota di consumi coperta da fonti rinnovabili del 16,7% è un valore vicino al target assegnato all’Italia dalla Direttiva 2009/28/CE per il 2020 (17%) e all’obiettivo individuato dalla Strategia Energetica Nazionale (19-20%).

Ovviamente la possibilità di mantenere la quota dei consumi finali coperta da rinnovabili su tali livelli dipenderà, oltre che dalla performance delle FER stesse nei prossimi anni, anche dall’andamento dei consumi energetici totali dopo anni di decrescita causata principalmente dalla congiuntura economica, ha precisato il GSE.

18 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
GSE
Lascia un commento