Il Governo italiano deve mostrare di essere coerente sostenendo concretamente le energie rinnovabili. Solo attraverso maggiori investimenti nelle fonti pulite e nell’efficienza energetica, sarà possibile per l’Italia rispettare gli importanti impegni assunti in Germania nel corso del G7 sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici. A sostenerlo è il Coordinamento FREE.

Il Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica spiega che il successo delle politiche dell’Italia contro i cambiamenti climatici è strettamente connesso alle politiche energetiche.

Al G7 i leader della Terra hanno indicato una strada chiara da seguire basata sulla decarbonizzazione dell’economia dei Paesi industrializzati. Un obiettivo che dovrà perseguito e raggiunto nel corso di questo secolo. Come sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Coordinamento FREE e autore del libro “Due gradi”:

Il Governo italiano non può frenare lo sviluppo delle rinnovabili in Italia perché sarebbe contraddittorio con quanto deciso in sede di G7.

Per indirizzare il Governo sulla giusta strada il Coordinamento FREE presenterà le sue proposte per migliorare il decreto sugli incentivi alle fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico, allo studio del MISE e già fortemente contestato dalle associazioni di settore e dagli ambientalisti.

L’incontro tra il Coordinamento FREE e il Governo si svolgerà il 16 giugno. Nei giorni scorsi FREE aveva criticato l’esecutivo per non aver avviato una consultazione con le associazioni di settore prima della stesura della bozza del provvedimento.

All’incontro del 16 giugno con gli esponenti del Governo seguirà un convegno a Roma, dal titolo “Rinnovabili ed efficienza al centro della battaglia sul clima”, in programma per il 17 giugno alle 10. Gianni Silvestrini ha anticipato i temi oggetto del dibattito:

Presenteremo le nostre proposte per evitare che interi comparti delle energie pulite vengano messi in ginocchio. Va trovata una soluzione, anche per dare senso e valore agli Stati generali sui cambiamenti climatici che l’Esecutivo ha organizzato per il 22 giugno, ai quali Free sarà presente.

Il 17 giugno il Coordinamento FREE ha inoltre indetto una manifestazione a Roma per protestare contro le politiche energetiche del Governo, definite troppo miopi e mortificanti nei confronti del fotovoltaico e delle altre fonti rinnovabili.

12 giugno 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento