Rinnovabili: Australia raggiungerà il 100% entro il 2030

Cresce sempre di più in tutto il mondo la consapevolezza dell’importanza del ricorso alle rinnovabili. Proprio per questo motivo molti Stati stanno cercando di adeguarsi nella corsa a soddisfare il loro fabbisogno di elettricità facendo affidamento sulle fonti pulite di energia.

Anche l’Australia si inserisce in questa panoramica. I dati che si riferiscono a questo Paese mostrano come, entro il 2030, l’Australia potrebbe arrivare al 100% basata sull’utilizzo delle energie rinnovabili.

=> Scopri Tilos, prima isola del Mediterraneo a raggiungere quota 100% rinnovabili

A confermarlo è il rapporto messo a punto dai ricercatori della National University, che sottolineano come il fotovoltaico e l’eolico siano sempre più valorizzati per la riduzione delle emissioni. Secondo gli esperti l’Australia sarebbe in grado di installare fra il 2018 e il 2019 circa 10.400 MW di nuovi impianti basati sulle energie rinnovabili.

I ricercatori hanno specificato che entro il 2020 si potrebbe raggiungere il 29% dello sfruttamento delle fonti di energia a basse emissioni, nel 2025 il 50%, per poi arrivare alla quasi totalità entro il 2030. L’obiettivo è quello di raggiungere i traguardi stabiliti nel corso dell’Accordo di Parigi.

=> Leggi le parole del ministro Di Maio su rinnovabili e decarbonizzazione

Eppure fino a poco tempo fa non si prevedeva tutto questo rialzo. Ultimamente invece si assiste in Australia a un utilizzo esteso dei pannelli fotovoltaici sui tetti, specialmente delle imprese sia commerciali che industriali.

Tutte le prove secondo gli esperti indicano che l’Australia ha una grande capacità di diventare una super potenza basata sulle energie rinnovabili potendo contare su moltissimi benefici economici e a livello ambientale.

Bisognerà vedere soltanto come sapranno inserirsi in questa tendenza le forze politiche del Governo australiano, favorendo la convinzione dell’industria che non sia così difficile e costoso intraprendere una lotta decisa contro le emissioni di gas serra.

Inoltre resta da vedere anche su che cosa punteranno maggiormente gli investitori, se decideranno più per il solare o per l’eolico. I ricercatori che hanno elaborato il rapporto sostengono che, qualsiasi sia la tendenza, è bene cavalcare l’onda e non lasciarsi sfuggire un’opportunità molto importante.

10 settembre 2018
Lascia un commento