Rimedi naturali per i capelli secchi

I capelli secchi devono il loro stato, analogamente a quanto si può riscontrare in caso di capelli grassi, a un’alterata attività delle ghiandole sebacee. I rimedi naturali anche in questo caso possono aiutare a regolarne il ritmo, restituendo l’equilibrio perduto e il corretto apporto di sebo al cuoio capelluto.

I capelli secchi sono dovuti a cattive abitudini alimentari, da cui può derivare una carenza di vitamine, proteine e sali minerali, patologie come l’iper (o ipo) tiroidismo o a fattori esterni come l’inquinamento atmosferico, l’uso di shampoo troppo aggressivi, tinte per capelli e d’estate anche i continui bagni nell’acqua marina.

Fermo restando il consiglio di ricorrere sempre a uno shampoo neutro, delicato nei confronti del cuoio capelluto, ecco alcuni rimedi naturali per riequilibrare la produzione di sebo e garantire ai capelli un aspetto sano. Qualora il vostro problema sia in qualche modo legato a patologie o a effetti secondari di alcuni farmaci è senz’altro consigliato consultare il proprio medico curante.

Rosmarino

Rimedi naturali

Maschere, lozioni e impacchi sono i rimedi naturali più consigliati per il trattamento dei capelli secchi. Tra le soluzioni più consigliate il rosmarino, presente sotto forma di estratto anche nelle composizione di alcuni shampoo realizzati dalle case farmaceutiche. Con un po’ di polvere di questa pianta mescolata a un tuorlo d’uovo e dell’acqua fredda è possibile realizzare una maschera nutriente e rinvigorente, da lasciare agire per circa mezz’ora.

Un’altra maschera per risolvere l’eccessiva secchezza dei capelli vede come ingredienti due tuorli d’uovo mescolati a due cucchiai d’olio d’oliva, ad azione emolliente e lenitiva della cute irritata, e due cucchiaini di miele, le cui proprietà si rivelano molto utili anche nella cura di mal di gola, tosse e raffreddore. Applicata sulla testa andrà lasciata agire per almeno 20 minuti e poi risciacquata con acqua tiepida, ma non calda, per non rischiare di irritare e arrossare il cuoio capelluto (spesso molto sensibile in caso di capelli secchi).

In alternativa è possibile realizzare la maschera con un solo tuorlo d’uovo aggiungendovi in sostituzione un po’ di succo di limone. Dopo il risciacquo con acqua tiepida può tuttavia rendersi necessario uno shampoo, che si consiglia in soluzione neutra e a base di rosmarino o luppolo (Humulus lupus).

Un’ulteriore variante vuole come ingredienti due tuorli d’uovo, un po’ di succo di limone a cui si aggiungerà questa volta qualche goccia di rhum o acquavite. Se preferite potrete comunque aggiungere un cucchiaio d’olio d’oliva per rendere la soluzione più delicata e nutriente per la vostra cute. Entrambe queste due varianti dovranno essere lasciare agire direttamente sui capelli per almeno 20 minuti, poi risciacquare con acqua tiepida e/o uno shampoo neutro.

Uova

Oltre alle maschere per i capelli, come detto poco prima, si possono realizzare utili lozioni per risolvere la secchezza e la perdita di lucentezza della capigliatura. Per realizzarle è possibile ricorrere all’azione combinata di olio di semi d’uva e lavanda oppure a quella di olio di jojoba e menta piperita. Utile si rivela anche l’olio di cocco, anche in combinazione con l’olio di rose.

Utili per la preparazione di lozioni e maschere rinvigorenti si rivelano l’altea, con le sue proprietà emollienti e idratanti, il fiordaliso e la rosa centifolia, quest’ultima conosciuta per l’alto contenuto di pectine, flavonoidi e antociani. Utili nella preparazione degli impacchi anche oli vegetali come quelli germe di grano e mandorle dolci.

Alimentazione e consigli utili

Una corretta alimentazione consente di tenere il problema sotto controllo e garantisce una buona attività di prevenzione. Consumare soprattutto frutta e verdura fresche e di stagione, specialmente quelle ricche di vitamina C ed E. Preferibile consumare carne di pesce e frutta secca, naturalmente ricche di acidi grassi essenziali.

Preferire shampoo e balsamo privi di profumi e coloranti, ma ricchi di agenti idratanti e protettivi della cute. Limitare, se possibile a zero, il ricorso a tinta, decolorazione e altri trattamenti professionali che possano indebolire il capello come un eccessivo ricorso alla piastra elettrica. Durante l’asciugatura col phon tenerlo a debita distanza dal cuoio capelluto per evitare un ulteriore indebolimento della chioma.

3 dicembre 2012
Lascia un commento