Con l’arrivo delle belle giornate torna il desiderio di lunghe passeggiate all’aria aperta, tornano le finestre aperte per rinfrescare le abitazioni e tornano anche loro, le zanzare. Da sempre incubo delle notti estive di tutti noi – quanti non hanno passato almeno una notte disturbati dall’incessante ronzio di una di queste “vampiresche” creature? – sono da anni vittime a loro volta di vere e proprie guerre chimiche. Dai quasi ingenui zampironi e citronelle, alle trappole meccaniche e gli insetticidi più tecnologici siamo sommersi da decine di alternative nelle nostre battaglie campali.

Ma quanti di questi rimedi, anche quelli definiti “naturali”, possono essere considerati ecologici ed ecocompatibili? Quelli che seguono sono alcuni rimedi che riteniamo utili allo scopo, ma che dimostrano una reale attenzione al rispetto per l’ambiente; sono stati scovati in giro per il web, anche se abbiamo trovato una vera e propria miniera di informazioni sui repellenti antizanzare fai da te naturali nel portale MosquitoWeb.it. Ovviamente, non faremo menzione delle zanzariere, che restano in assoluto un sistema ecologico e sicuro per impedire agli insetti di entrare nelle nostre case.

Per prima cosa, anche se poco diffuse in Italia, riteniamo sicuramente interessanti queste lampade alogene elettrificate, alimentate a energia solare:

lampade alogene elettrificate

Di giorno si ricaricano, mentre di notte funzionano come tante altre lampade che attirano gli insetti grazie alla luce per poi fulminarli con una scarica elettrica. Ci sono, però, almeno a prima vista due controindicazioni. La prima è la relativa efficacia verso le zanzare tigre, attive più nelle ore solari che in quelle notturne (al contrario delle zanzare nostrane). La seconda, ma forse più importante, i rimedi “a luce” uccidono indiscriminatamente anche altri generi di insetti. Dunque, se da un lato si tratta di uno strumento a bassissimo impatto ambientale, energeticamente parlando, dall’altro non ci sentiamo di definirlo ecologico al 100%.

Nonostante l’efficacia descritta, non ci sentiamo poi di suggerire le macchine a produzione di CO2 (in modo da imitare il respiro umano): consumano energia elettrica e producono CO2, non proprio il non plus ultra a livello ecologico. Certo sembrano funzionare. Molto meglio le lampade a basso consumo colorate di giallo, capaci di creare una calda atmosfera “ambient” e di liberarci delle zanzare nell’arco di 4 metri. Resta il solito problema delle zanzare tigre, attive di giorno.

lampade gialle a basso consumo

Passiamo ora ai repellenti. Per quanto riguarda quelli naturali, il più eco-compatibile sembra essere l’olio di neem. Con un’efficacia reale contro le zanzare (punture ridotte del 60%), garantisce protezione senza il bisogno di ricorrere a prodotti sintetici. Unica avvertenza: forse non è il metodo più indicato nel caso di viaggi all’estero, in territori in cui le zanzare sono veicolo di malattie pericolose. Un altro rimedio, descritto come efficace, sarebbe l’assunzione orale di Ledum Palustre, che renderebbe il nostro sudore sgradevole alle zanzare (ma solo a loro).

Per quanto riguarda i repellenti per ambienti, i migliori tra i naturali sono il suddetto olio di neem e quelli a base di aglio. Per ultimo, anche se l’efficacia diretta non è molto alta, ci permettiamo di segnalare le Bat Box. Si tratta di piccoli “nidi” per pipistrelli, da installare all’aria aperta, nei nostri giardini e nelle nostre terrazze. In effetti, la diminuzione di chirotteri è una delle prime cause dell’aumento di zanzare. Dunque, se “adottare” una famiglia di pipistrelli non ci metterà in salvo dalle punture di zanzare, nel medio-lungo periodo si tratta di un comportamento che può portare i suoi frutti. Per chi volesse, ci sono anche le istruzioni per costruire da soli la propria Bat Box.

bat box

Detto ciò, vi ricordiamo che oltre ai rimedi veri propri, ci sono dei semplici comportamenti da evitare, come l’abuso di profumi o deodoranti e l’uso di abiti scuri o di colori troppo vivaci. Abiti chiari e pochi prodotti chimici sulla pelle aiuteranno da soli la vostra battaglia personale contro l’infido nemico. E magari l’ambiente vi ringrazierà.

19 maggio 2011
I vostri commenti
giuseppina , domenica 27 aprile 2014 alle18:28 ha scritto: rispondi »

io sono ossessionata dalle zanzare in famiglia sono l'unico bersaglio vorrei sapere il nome di quel bagno schiuma grazie

paolo abate, mercoledì 25 settembre 2013 alle2:38 ha scritto: rispondi »

che bagnoschiuma è ce lo puoi dire?

Rosario Ricci, mercoledì 18 aprile 2012 alle21:01 ha scritto: rispondi »

io ho dei micropaletti per impalare le zanzare, microcrocifissi appesi al collo e spruzzatori con acqua santa.. provate, funzianano davvero :-)

maria, lunedì 23 maggio 2011 alle20:18 ha scritto: rispondi »

per Claudia@. Non so se posso. potrebbe sembrare pubblicità.

Claudia, sabato 21 maggio 2011 alle19:32 ha scritto: rispondi »

Maria potresti darmi maggiori informazioni riguardo il bagno schiuma che hai scoperto? Per me l'estate è un incubo: divento il bersaglio preferito dalle zanzare!!! Grazie

Lascia un commento