Rimedi naturali, una soluzione spesso molto efficace per fare a meno dei farmaci. In questo caso vediamo alcune possibili alternative per contrastare l’ipertensione, un problema che costa mille rinunce e problemi a circa un terzo degli italiani.

Varie possono essere le cause, dalle cattive abitudini alimentari a uno stile di vita troppo sedentario. Caffè, fumo, alcol e stress possono essere elementi scatenanti oltre che aggravanti quando si parla di ipertensione, a cui inevitabilmente si deve aggiungere una possibile ereditarietà del fenomeno. Al momento non è sempre agevole capire l’origine di questo problema.

Considerando che si stimano nella misura del 50-60% gli italiani che soffrono di ipertensione senza esserne consapevoli, occorre ricordare anche qualche possibile campanello d’allarme nel caso non ci si sottoponesse almeno una o due volte l’anno ad un controllo medico. Prestare attenzione in caso di ripetuti mal di testa, palpitazioni, vertigini o astenia.

I rimedi naturali possono certamente aiutare a tenere la pressione sotto controllo, senza bisogno quindi di ricorrere necessariamente a supporti farmacologici. Prima però di sospendere il supporto dei farmaci occorrerà consultare il proprio medico per escludere possibili complicanze causate da patologie correlate come ad esempio per alcune tipologie di diabete o in caso di ipertiroidismo. Opportuno valutare con lui anche il rimedio scelto e individuarne le possibili controindicazioni relative al proprio specifico caso.

Nel caso però si ricevesse il via libera, ecco alcuni consigli che potranno aiutarvi nella vostra sfida contro l’ipertensione. Su tutti i rimedi naturali utili in questo caso spiccano gli effetti benefici del biancospino. Grazie alla presenza di flavonoidi e proantocianidoli, questo fiore riesce ad intervenire in maniera efficace dilatando i vasi sanguigni riducendo così la pressione arteriosa. Ha inoltre qualità sedative che lo rende un buon rimedio per l’insonnia, risultando al contempo utile anche per contrastare gli effetti dei radicali liberi.

Contro l’ipertensione anche l’aglio può giocare il suo ruolo attivo. Una delle proprietà che gli vengono maggiormente riconosciute è proprio quella vasodilatazione che servirà all’organismo per riportare la pressione entro i giusti binari. Inoltre, questa pianta ha effetti positivi sul colesterolo, aiutando a tenerlo sotto controllo, oltre che un’azione antibatterica indicata ad esempio in caso di mal di denti.

Anche l’ulivo può essere una valida alternativa ai farmaci per contrastare un eccessivo innalzamento della pressione sanguigna. Un decotto può ad esempio rappresentare un’ottima soluzione nel brevissimo periodo. Per prepararlo bisognerà avere a disposizione 20 gr. di foglie da far bollire in 300 ml d’acqua. Quando saranno scesi a 200 si sarà ottenuta la dose giornaliera. Il sollievo sarà veloce, ma è consigliato il consumo di questo decotto almeno per circa due settimane. Nel caso non si disponga della possibilità di preparare questo infuso, si può utilizzare la tintura madre, 30-50 gocce per tre volte al giorno.

La vite rossa è molto nota per il suo apporto benefico alla salute delle vene e dei capillari. Contribuendo a limitare i danni causati dai radicali liberi rinforza i vasi sanguigni rendendoli meno fragili. Utile anche come vasodilatatore, riduce la pressione del sangue normalizzandola in caso di ipertensione. Il consumo moderato di vino rosso sembra sia stato indicato come soluzione del cosiddetto “paradosso francese”, ovvero la minore mortalità collegata a malattie cardiovascolari pur in presenza di una dieta con elevata presenza di grassi.


Proprio l’alimentazione è forse uno dei principali “rimedi” contro l’ipertensione. Recenti studi sembrerebbero avvalorare la tesi secondo cui lo stile di vita vegetariano (non solo l’assenza di carni, ma anche l’attenzione alla scelta di verdure di stagione e di alimenti bio) produca effetti benefici su chi soffre di pressione alta. Attenzione come sempre raccomandata in caso di utilizzo di sale, che ancora una volta si conferma come vero e proprio nemico di chi soffre di questa patologia.

Tra le buone pratiche segnaliamo infine lo yoga. Aiutando a ridurre lo stress contribuisce a mantenere dei livelli di pressione bassi e le funzioni cardio-respiratorie più efficienti. Utili in questo senso anche i Fiori di Bach, con alcune specifiche combinazioni in grado di allentare lo stress e favorire il generale rilassamento.

Fonti: BodySpring | Encanta

16 gennaio 2012
I vostri commenti
Caterina, domenica 13 novembre 2016 alle12:47 ha scritto: rispondi »

Per Ornella, Io ho avuto benefici con l'agopuntura.Devi farne almeno 2 cicli (20 sedute), la mia schiena adesso sta un pò meglio.

giovanni l, sabato 20 giugno 2015 alle7:59 ha scritto: rispondi »

per Ornella , hai ricercato le cause del tuo frequente e persistente mal di schiena ?.Non puoi e non devi prendere antinfiammatori tutta la vita , ricerca la causa e correggi quella . auguri..

gabriella, mercoledì 26 novembre 2014 alle13:37 ha scritto: rispondi »

Quello che trovo strano è che in un articoli si dice che il sale non è responsabile dell'ipertensione ed in un'altro si afferma il contrario! A chi bisogna credere?Qual'è il prodotto a base di aglio efficiente in queste situazioni? Grazie

Paola, domenica 23 novembre 2014 alle23:45 ha scritto: rispondi »

Cole è possibile una ricerca ti dice che il sale è ininfluente per ipertensione mentre un'altra dice il contrario. A chi dobbiamo dare ascolto?

manu, venerdì 10 ottobre 2014 alle20:34 ha scritto: rispondi »

amante ornella, ti consiglio di provare la glucosamina e olio di pesce (omega3) e fisioterapia con laser, a me ha aiutato, auguri

Lascia un commento