Arriva come ogni anno la sempre temuta stagione influenzale. Ferme restando le categorie giudicate più a rischio, quali bambini, anziani e malati cronici, l’influenza non guarda in faccia nessuno ed è un rischio che tutti possono correre. In particolare se nel nucleo domestico ci sono minori in età scolare.

Alcune istruzioni per controllare la diffusione dell’influenza e ridurre i possibili rischi di contagio vengono dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI). Sette consigli per “limitare i danni” e superare nella maniera migliore il periodo a rischio:

  1. Lavarsi le mani con il sapone e farlo spesso, a maggior ragione dopo aver tossito o starnutito;
  2. Lavare le mani

  3. Nel momento in cui si starnutisce o si tossisce è bene coprirsi bocca e naso con un fazzoletto di carta, da gettare nella spazzatura dopo l’uso;
  4. Uomo che si soffia il naso

  5. Evitare la vicinanza di soggetti che manifestano sintomi influenzali;
  6. Favorire la circolazione dell’aria nei locali chiusi per favorire l’allontanamento degli agenti patogeni;
  7. Evitare il contatto delle mani, qualora non siano lavate, con le mucose di bocca, naso e occhi;
  8. Nel caso abbiate contratto l’influenza è bene restare a letto in un ambiente caldo, ma non secco, evitando al contempo di rappresentare un possibile vettore per coloro che condivideranno con voi gli ambienti di lavoro o scolastici;
  9. Dieta sana ed equilibrata per una più rapida guarigione, non dimenticando mai di reintegrare in maniera efficace i liquidi persi a causa del processo influenzale.

18 ottobre 2013
Fonte:
AGI
I vostri commenti
sarina frontera, venerdì 18 ottobre 2013 alle22:17 ha scritto: rispondi »

grazie x i vostri consigli.

Lascia un commento