I rimedi naturali contro le formiche sono molto efficaci se applicati con regolarità e cura. Quello delle formiche in casa è un problema comune, risolvibile con alcuni accorgimenti pratici e dei semplici rimedi naturali. Questi piccoli insetti possiedono delle straordinarie capacità di orientamento e ricerca delle fonti di nutrimento, che rendono anche il più piccolo avanzo di cibo una possibile attrattiva.

Ad attirare le formiche sono soprattutto gli odori dolci come residui di zucchero, merendine e altri alimenti simili. Una buona pulizia della casa dovrebbe ridurre il rischio che questi piccoli, anche se decisamente forzuti (sollevano fino a 50 volte il loro peso), insetti trovino fonti di cibo e quindi motivi per tornare.

I rimedi naturali possono in particolar modo permettere di fare a meno dei prodotti chimici classici, che risultano certamente nocivi per le formiche, ma che rappresentano una possibile minaccia anche per chi li utilizza (specialmente se in casa sono presenti dei bambini piccoli). Esistono delle soluzioni, decisamente poco gradite ai piccoli insetti, che ne permetteranno il semplice allontanamento senza tuttavia risultare nocive per voi o per loro.

Foglie di eucalipto

Come allontanare le formiche senza ucciderle

Per allontanare le formiche senza necessariamente ucciderle è possibile innanzitutto preparare uno speciale detergente a base di aceto, estratto di eucalipto e sapone neutro. Basterà mezzo secchio d’acqua a cui si uniranno un bicchiere di aceto e mezzo di sapone, da integrare infine con 10-12 gocce di olio essenziale di eucalipto. Il risultato sarà un odore per voi gradevole, ma che scoraggerà le formiche e le terrà lontane. In sostituzione dell’eucalipto, il cui miele molto si rivela utile in caso di tosse, raffreddore o mal di gola, in questa miscela si può ricorrere all’olio essenziale di limone (o alcune gocce del suo succo), altro aroma forte ad azione repellente.

In alternativa è utile sminuzzare alcune foglie di alloro e spargerle lungo il percorso seguito dalle formiche, se possibile direttamente sul lato esterno del loro punto d’ingresso. L’odore per loro sgradevole le terrà lontane, unitamente sempre a un’attenta pulizia della casa e in particolare dei luoghi dove si consumano pasti e spuntini giornalieri.

Come per le foglie di alloro, spargere pepe di caienna o chicchi (o polvere) di caffè mescolati a del borotalco può produrre l’effetto desiderato, anche se il ricorso agli oli essenziali sembra fornire i risultati migliori. Spargere le foglie o le polveri nei pressi dei punti d’ingresso delle formiche e in prossimità di porte e finestre. Su queste ultime potranno essere anche nebulizzati alcuni dei detergenti per pavimenti descritti poco sopra.

Limoni

Realizzare dei detergenti da nebulizzare su porte e finestre è possibile anche ricorrendo a miscele di alcol etilico, acqua e oli essenziali (eucalipto o limone), oppure lasciando macerare in acqua alcuni chiodi di garofano (utili anche in caso di alitosi o mal di denti) o delle foglie di pomodoro. La pulizia delle tubature di cucina infine è opportuno sia affidata a soluzioni a base di bicarbonato di sodio, sono sufficienti due cucchiaini di prodotto per mezzo litro d’acqua e il rimedio è pronto.

Consigli pratici fai da te contro le formiche

La pulizia della casa deve sempre comprendere un’attenta tenuta del lavello di cucina dove solitamente vengono riposti, più o meno brevemente, i piatti e le pentole utilizzate per i pasti. Le formiche possono risalire lungo le tubature del lavandino attratte dall’odore che i residui di cibo presenti sulle stoviglie emanano.

Se all’interno della casa doveste imbattervi in una fila di formiche la prima cosa da fare è cercare di individuare il punto verso il quale si recano gli insetti, così da poter intervenire alla fonte del problema. Subito dopo sarà opportuno risalire la coda in senso inverso così da poter scoprire il passaggio attraverso il quale riescono a entrare in casa.

Individuare il punto d’ingresso consentirà di rimediare tappando l’eventuale feritoia o passaggio con del silicone o del nastro isolante, a seconda della tipologia di superficie interessata. Nel caso fosse un piccolo foro nel muro, magari residuo di un precedente passaggio di cavi, un po’ di stucco potrebbe essere sufficiente a risolvere il problema.

7 dicembre 2012
I vostri commenti
renata, venerdì 21 marzo 2014 alle0:00 ha scritto: rispondi »

grazie per i consigli Renata

Lascia un commento