Contrastare l’alitosi con i rimedi naturali. Quello che prendiamo in esame oggi è un disturbo che, al pari del sudore, può rappresentare non soltanto un fastidio personale, ma anche un problema più o meno serio nel relazionarsi con gli altri. Nei casi più gravi si possono vivere momenti di reale disagio, fortunatamente controllabili attraverso alcune soluzioni offerte dalla natura.

L’aiuto offerto dai rimedi naturali in questo caso necessita più che mai del supporto di una serie di buone pratiche quotidiane, a cominciare da una corretta igiene orale. Fermo restando che l’alitosi è provocata anche da cause non indotte da un insufficiente utilizzo di spazzolino, dentifricio e colluttorio (oltre che filo interdentale), mantenere costante il proprio ricorso a questi strumenti potrà certamente rappresentare un passo in avanti.

Altre possibili cause sono alcuni disturbi gastrointestinali o altre patologie che coinvolgono l’apparato respiratorio o digerente, lo stress e l’assunzione di farmaci (ad es. diuretici o antidepressivi). Il consumo di alcol è poi in grado di provocare un’eccessiva secchezza del cavo orale, rendendolo particolarmente soggetto alla formazione di batteri responsabili tra le altre cose dell’alito “cattivo”.

Il primo consiglio è innanzitutto di limitare, quando possibile azzerare, il consumo di bevande alcoliche. Ne trarrete giovamento sotto molteplici punti di vista: maggiore sopportazione del caldo estivo, alito migliore, riduzione del peso e di possibili complicazioni cardiovascolari. Il consumo eccessivo di alcolici causa inoltre una flessione delle difese immunitarie, rendendovi più esposti quindi a possibili infezioni.

Passiamo ora all’alimentazione. Importante ridurre il consumo di grassi animali, compresi burro e insaccati, oltre che di caffè o bevande con l’aggiunta di zuccheri e altri additivi. Bere al contrario molta acqua così da mantenere costante la salivazione evitando così la secchezza del cavo orale e garantendo una costante azione antibatterica naturale.

Tra i rimedi naturali a cui ricorrere nel caso si presenti, anche dopo i precedenti consigli, il fastidioso problema dell’alitosi la menta occupa un posto di assoluto primo piano. Grazie alla sua azione rinfrescante e antisettica è di certo la risorsa principale contro l’alito cattivo. Insieme con eucalipto, salvia e chiodi di garofano garantisce un’efficace azione antibatterica.

L’assunzione è possibile sia attraverso il ricorso a tisane, singolarmente o con infusi contenenti due o più di queste erbe e piante, o direttamente masticandone alcune foglie. Utile la masticazione dei chiodi di garofano anche in caso di mal di denti, un’altra possibile complicanza che può causare l’alitosi. La fitoterapia offre anche altre possibili soluzioni, come ad esempio l’altea, la camomilla e la mirra.

In ultimo vediamo quali possibili rimedi naturali contro l’alitosi si possono utilizzare qualora la causa sia il mal di stomaco e la cattiva digestione. Si consigliano in questo caso tisane a base di finocchio e anice, particolarmente indicate per regolarizzare il flusso intestinale. Come di consueto invitiamo a non procedere con l’assunzione di piante, erbe o altri rimedi di cui non si è verificata l’assenza di reazioni iperimmuni (allergie) o di interazione con eventuali farmaci assunti. In caso di dubbio è opportuno un consulto con il proprio medico di famiglia.

29 giugno 2012
Lascia un commento