Il mal d’auto, chiamato chinetosi in gergo tecnico, è uno dei disturbi di movimento più diffusi al mondo: si stima, infatti, che nella sola Italia siano dai 7 ai 10 milioni gli individui che ne soffrono. I sintomi vanno dalla sudorazione fredda fino alla perdita dei sensi, un problema limitante che rischia di precludere la possibilità di viaggiare e anche solo di salire in vettura per piccoli spostamenti. Accanto ai ritrovati della farmacologia classica, dagli appositi braccialetti alle pastiglie, esistono però dei rimedi naturali a scarse controindicazioni?

Il mal d’auto – e in generale la motion sickness, ovvero l’intolleranza ad alcune situazioni di movimento – ha una sintomatologia simile a quella delle vertigini: entrata nella vettura, la vittima inizia a sudare freddo, si irrigidisce e prova un senso di confusione spaziale che la porta alla nausea, al rigurgito e allo svenimento. Per evitare gli effetti più funesti di tal fastidio, di seguito alcune erbe che risulteranno davvero di grande aiuto.

Zenzero

Si è parlato spesso delle proprietà uniche dello zenzero, una radice di lontanissime origini orientali, per garantire il benessere del corpo e della mente. La straordinaria pianta pare abbia effetti anche nella riduzione della nausea da movimento: agendo direttamente sull’apparato digerente con un effetto tampone, blocca la sensazione di rigurgito nello stomaco e impedisce che si verifichi il vomito.

Marrubio selvatico

Una pianta decisamente diffusa in Italia, il marrubio selvatico pare presenti – nella sua tintura erboristica – dei meccanismi specifici per ridurre il mal d’auto. Agendo direttamente sul sistema nervoso, questo piccole fiore riduce la sensazioni di vertigini, annullando il tipico effetto da “stanza che si muove” e intervenendo direttamente a livello gastrico contro nausea e vomito. Non a caso si tratta di un vegetale a cui si fa particolare ricorso durante i mesi d’influenza invernale: ne contiene egregiamente i sintomi.

Olio Motion Eaze

Il rimedio denominato Motion Eaze deriva da un mix di erbe, tutte conosciute per le loro blande facoltà sedative e per placare i più comuni problemi di stomaco e intestino, ed è uno dei ritrovati verdi più utili per combattere la paura e la nausea dell’autovettura. L’olio è realizzato concentrando i principi attivi di molti vegetali – tra cui camomilla, lavanda, melissa, ylang ylang e altri ancora – e pare funzioni soprattutto a livello di olfatto. Si dice che basti annusarne di tanto in tanto il mix citato per raggiungere gli effetti sperati.

Menta

Menta

Mint Leaf Close Up via Shutterstock

La menta è da sempre un vegetale conosciuto per le sue capacità d’agevolazione del processo di digestione, per questo potrà ritornare utile anche a tutti quelli che si sentono un crampo allo stomaco non appena si avvicinano a un’automobile, un treno o qualsiasi altro mezzo di trasporto. Avere della menta sempre a disposizione è un toccasana davvero consigliabile, soprattutto per i casi di vomito ripetuto durante la giornata, non avendo virtualmente alcun effetto collaterale.

Agopuntura

Così come accade per i braccialetti commerciali per ridurre gli effetti del mal d’auto, anche l’agopuntura va a stimolare una zona specifica del polso, quest’ultima in grado di far scomparire completamente la sintomatologia. Servono però diverse sedute prima di raggiungere il risultato sperato, sebbene poi praticamente definitivo. Di conseguenza, qualora si decidesse di optare per questa pratica antica, si dovrà tenere ben presente la costanza e l’impegno nel trattamento.

Sguardo ed esercizi fisici

Un modo efficace per ridurre le conseguenze della nausea da movimento è quello di orientare lo sguardo in modo che sia meno sensibile allo spostamento. In genere, basta orientarsi verso un immaginario punto fisso all’orizzonte, all’altezza degli occhi e perpendicolare al viso. Vi sono poi degli esercizi fisici che si dice apportino immediato sollievo, come quelli indicati per la cervicale. Spesso la nausea è dovuta da una cattiva postura in auto o dalla tensione accumulata a livello del collo. Massaggiare la zona, piegare delicatamente la testa in avanti con le mani sopra la nuca e inclinare la stessa a destra e sinistra, porterà di certo a esiti benefici.

28 settembre 2013
I vostri commenti
alberodellavita, martedì 3 giugno 2014 alle17:14 ha scritto: rispondi »

Sì, strano anche che non vengano segnalati i bracciali antinausea come alternativa all'agopuntura, del resto agiscono sugli stessi principi e sono molto pratici (specialmente per i bambini).

graziano nicoli, martedì 1 ottobre 2013 alle12:08 ha scritto: rispondi »

Si può utilizzare anche una specifica essenza dei Fiori di Bach, SCLERANTHUS, efficacissimo. Non contiene alcun principio chimico. Qualche goccia ogni 2-3 ore. Fantastico. Anche per animali. Strano che nei rimedi naturali non si parli di Fiori di Bach ... G.nicoli

Lascia un commento