I pesciolini d’argento, il cui nome scientifico è Lepisma saccharina, sono dei piccoli insetti molto comuni nelle case. Dal corpo argentato – così come il nome suggerisce – e dalle numerose zampette, si annidano in qualsiasi anfratto delle abitazioni, prediligendo i climi sufficientemente umidi: l’intera cucina, il mobile sotto il lavello, il bagno, la base dei frigoriferi. Pur essendo innocui per la salute umana, questi insetti possono essere particolarmente fastidiosi perché amano rosicchiare alcuni degli oggetti più diffusi nelle case, come le pagine dei libri, le tele dei quadri, la tappezzeria e i tessuti. Esistono dei metodi naturali per sbarazzarsene?

Come ovvio intuire, la risposta è affermativa: vi sono numerosi rimedi naturali che tengono lontani i pesciolini d’argento, spesso delle essenze a loro poco gradite. Eccone alcuni.

Deumidificazione

La deumidificazione, seppur non si tratti di un rimedio naturale in senso stretto, è un arma efficacissima per dire addio al Lepisma saccharina. Questi animaletti prediligono infatti ambienti con umidità superiore al 75% e, in genere, scompaiono spontaneamente quando il tasso scende al 50%. Di tanto in tanto, allora, ricorrere a un deumidificatore libererà la casa da qualsiasi ospite indesiderato. Attenzione, però, non si tratta di una pratica applicabile quotidianamente, per evitare un’eccessiva secchezza delle vie respiratorie.

Cetriolo

Cetriolo

Fresh Cucumber And Slices White Background via Shutterstock

Il cetriolo, in particolare la sua buccia, è un repellente naturale del pesciolino d’argento. Gli insetti pare non ne sopportino il profumo e, così, cambiano ambiente quando ne percepiscono la vicinanza. Può essere allora utile lasciare una ciotola di cetriolo sminuzzato negli angoli della casa dove si sono avvistati gli insetti, da sostituire non appena la verdura si seccherà. Una settimana di questo trattamento dovrebbe portare alla definitiva eliminazione degli ospiti infestanti, i quali nel frattempo si saranno trasferiti altrove.

Menta piperita, rosmarino e chiodi di garofano

Oltre al cetriolo, vi sono altri odori non particolarmente graditi dal Lepisma saccharina. Fra questi la menta piperita, un vero e proprio spauracchio per gli insetti, il rosmarino e i chiodi di garofano. Una buona idea può essere allora preparare dei piccoli sacchettini, come quelli che di solito si utilizzano per la naftalina degli armadi, dove inserire un paio di foglie di menta, del rosmarino fino a riempimento e una decina di chiodi di garofano. Preparato il composto, si appoggi il sacchettino negli angoli più nascosti dell’appartamento o sopra mobili e librerie: i noiosi animaletti si guarderanno bene dall’avvicinarsi.

Ginkgo biloba

Gingko biloba

Close-up On Ginkgo Biloba Tree via Shutterstock

Il ginkgo biloba, uno degli alberi più antichi e longevi della terra, è da sempre conosciuto per le sue numerose proprietà benefiche sull’organismo, come spinta alla concentrazione, per migliorare il sistema cardiovascolare e come ritrovato di prima linea contro stress e depressione. Il caratteristico odore delle foglie, tuttavia, non è affatto amato dal pesciolino d’argento, che fuggirà a gambe levate in presenza di un esemplare. Purtroppo il ginkgo biloba non è di certo una pianta semplice da coltivare in ambiente domestico, fortunatamente in erboristeria esistono essenze e ritrovati per i più svariati ricorsi.

Acqua e farina

Sebbene l’efficacia di questo rimedio non sia provata, la facilità di realizzazione val bene un tentativo. Si mischi acqua e farina fino a ottenere un composto sufficientemente consistente, quasi solido, e vi si immergano dei pezzetti di cartone affinché la farina inumidita vi si attacchi su entrambi i lati. Si lasci seccare il composto realizzato e si dispongano quindi le barrette ottenute negli angoli dove si crede si annidino gli insetti.

20 ottobre 2013
I vostri commenti
Alessio, lunedì 21 ottobre 2013 alle9:54 ha scritto: rispondi »

Quando si stampa le scritte vengono sovvrapposte ed illeggibili. Penso si un problema vostro perchè mi capita solo con voi.

Lascia un commento