CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) e Consiglio Nazionale delle Ricerche hanno siglato un accordo per sviluppare insieme nuovi programmi di ricerca in grado di migliorare i processi di riciclo.

Il Consorzio, in particolare, ha già stanziato 800mila euro per i prossimi due anni in attività di ricerca, attivando collaborazioni con Università, Enti di ricerca e Centri Studi. L’obiettivo è quello di sviluppare nuove tecnologie per la riduzione, il riciclo e il recupero dei rifiuti di imballaggio. Commenta Roberto De Santis, Presidente di CONAI:

Questo Accordo si inscrive perfettamente nella mission del Consorzio, tra i cui compiti figura la diffusione di una cultura di sostenibilità ambientale, dall’ottimizzazione dell’impiego di materiali di imballaggio alla riduzione del loro impatto sull’ambiente. Il partner migliore non poteva che essere il CNR, un serbatoio di competenze e di mezzi in settori di ricerca di nostro interesse.

Il contributo scientifico del CNR, più in dettaglio, andrà nella direzione di migliorare i processi di lavorazione e di riciclo dei materiali usati, non solo per generare energia. L’obiettivo è anche quello di introdurre nuove tipologie di materiali da imballaggio, maggiormente biocompatibili e a minore impatto ambientale.

Nell’ambito dell’accordo CONAI-CNR, sono già previsti due progetti, il primo relativo al riciclo di scarti di cartoni poliaccoppiati derivanti dal processo di spappolamento in cartiera (pulping) e il secondo sulla valorizzazione di frazioni miste di poliolefine.

5 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
ANTONIO DEL MASTRO, sabato 12 luglio 2014 alle20:43 ha scritto: rispondi »

AVREI UN PROGETTO DI EDUCAZIONE AL RICICLO CHE COINVOLGE I TERRITORI DELLE CITTA' PARTENDO DALLE SCUOLE ELEMENTARI. E' GIA' STATO REALIZZATO NELLA CITTA' DI CAPURSO (BA) . SE SIETE INTERESSATI CONTATTATEMI. ANTONIO DEL MASTRO

Lascia un commento