Sulla questione dei rifiuti a Roma è scontro tra Corrado Clini e Renata Polverini. All’origine della nuova polemica alcune dichiarazioni del responsabile per l’Ambiente rilasciate in coda alle dimissioni del Prefetto Pecoraro da Commissario straordinario all’emergenza, nelle quali si indicava la presidente della Regione Lazio come una chiara sostenitrice del progetto Corcolle.

Corrado Clini torna a parlare dell’emergenza rifiuti a Roma e lo fa confermando innanzitutto l’abbandono di ogni ipotesi di discarica a Corcolle, nei pressi di Villa Adriana. Opzione che ha visto la ferma opposizione anche del ministro per i Beni Culturali Ornaghi, giunto a minacciare le proprie dimissioni in caso di avvio dei lavori. Ora con l’abbandono di Pecoraro, sostituito dal Prefetto Goffredo Sottile, si riapre il discorso legato al sito indicato dal Ministero dell’Ambiente.

Clini torna a sostenere apertamente l’ipotesi di costruzione della discarica a Monte Carnevale, affermando come siano state a tutti gli effetti superate le problematiche legate alla presenza di alcuni siti di intelligence del Ministero della Difesa. Non soltanto, il ministro dell’Ambiente tocca anche alcune questioni piuttosto spinose come l’attribuzione delle responsabilità che hanno portato al commissariamento di Roma e sull’atteggiamento tenuto dalla Polverini sulla vicenda Corcolle:

Il Prefetto Pecoraro era stato incaricato di risolvere la questione rifiuti perché Regione, Provincia e Comune avevano dichiarato di non essere in grado di trovare soluzioni.

La scelta di Corcolle era stata effettuata dal prefetto con un consenso esplicito del presidente della Regione, mentre il sindaco Alemanno si era schierato per una soluzione differente.

La reazione di Renata Polverini non si è fatta attendere e chiude di fatto la porta ad ogni futura possibilità di dialogo tra le parti:

Il ministro Clini deve parlarne con il prefetto Sottile, con noi non ne deve parlare più.

Non soltanto lo scontro con la Regione Lazio fra le questioni da risolvere per il ministro Clini, ma anche la ferma opposizione dei comitati locali alla possibile designazione di Monte Carnevale. Ieri una protesta ha bloccato il traffico della via Aurelia con alcuni striscioni riportanti la scritta:”No a Monti dell’Ortaccio, no a Monte Carnevale”.


Nel frattempo il nuovo Commissario all’emergenza rifiuti Sottile sembra appoggiare Clini sull’importanza della raccolta differenziata come strategia risolutiva per la gestione dell’immondizia romana. Durante un incontro con il Presidente della Provincia Nicola Zingaretti, si è informato soprattutto sui risultati ottenuti in merito dall’ente locale. Dati valutati in maniera molto positiva secondo quanto riferito da Palazzo Valentini:

I risultati raggiunti dalla Provincia nella differenziata che, in meno di 4 anni, nei 120 comuni attorno alla Capitale, è passata da 25 mila abitanti a circa 800 mila.

28 maggio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Barbara, mercoledì 30 maggio 2012 alle23:02 ha scritto: rispondi »

Inoltre questo sito "incredibilmente idoneo" non sarebbe altro che, di fatto, un mero allargamento della vecchia malagrotta. Oltretutto sorgerebbe accanto a decine di  impianti ad altissimo impatto ambientale ( che il Ministro conosce meglio di noi!!! )con cui da decenni e decenni noi abitanti della Valle Galeria siamo costretti a convivere....faccio presente a chiunque non ne fosse al corrente che distano una manciata di metri da centinaia di case. Vorrei sottolineare che probabilmente le nostre abitazioni non avranno agli occhi di euro parlamentari, principi ed attrici la stessa rilevanza culturale ed artistica di un inestimabile patrimonio come Villa Adriana ma che per noi che vi abitiamo coi nostri figli sono della stessa vitale importanza!

Barbara, mercoledì 30 maggio 2012 alle22:59 ha scritto: rispondi »

"Ministro Clini vorrei chiederle se è già al corrente del fatto che le acque che fuoriescono dai pozzi artesiani nei nostri giardini hanno circa il 90% in più del tollerabile inquinamento da arsenico.....e che il tasso di morte per leucemie e tumori vari nel nostro quadrante supera del 28% quello di qualsiasi altra circoscrizione di Roma...Certo non avremo dalla nostra voci altisonanti a gridarlo ma credo che la cruda realtà sia più forte di qualsiasi pretesto!"

Cosimo, lunedì 28 maggio 2012 alle10:54 ha scritto: rispondi »

PER LA PROVINCIA SI PARLA SEMPRE DEGLI ABITANTI SERVITI DAL SERVIZIO PASSATI DA 25000 A 800000. UNA VOLTA TANTO SI PUO' SAPERE QUALI SONO LE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA RAGGIUNTA? E' IL SOLO DATO CHE CI FA CAPIRE QUANTO ANDRA' A DISCARICA

Lascia un commento