Vacanze di Natale ormai quasi nel vivo mentre fervono gli ultimi preparativi per il cenone della Vigilia. Albero e decorazioni sono perlopiù ultimati, con luci arcobaleno a colorare ambienti domestici ed esterni. Durante questo periodo di festa non bisognerà però dimenticare le buone abitudini in fatto di riciclo, ricorda CoReVe (Consorzio Recupero Vetro), soprattutto per quanto riguarda il vetro.

=> Leggi i dati CoReVe sulla raccolta del vetro nel 2015

Il riciclo del vetro a Natale può interessare davvero molti aspetti, da quelli più scontati come le bottiglie vuote di vino o di prosecco/spumante. Attenzione però andrà prestata ai “falsi amici” e a oggetti come le luminarie. Ecco quindi alcuni consigli diffusi dal Consorzio Recupero Vetro per trascorrere delle festività sia divertenti che amiche dell’ambiente.

=> Scopri come il vetro aumenterà l’efficienza delle batterie al litio

Innanzitutto è bene ricordare quali sono gli elementi che devono essere conferiti nei cassonetti della raccolta differenziata del vetro. Si tratta in via esclusiva di bottiglie, barattoli e vasetti vuoti, niente di più e niente di meno.

Il restante materiale dovrà essere conferito, con le dovute cautele, nell’indifferenziata. I “falsi amici” più temibili in questo caso sono bicchieri e calici di cristallo, seguiti nell’ordine da piatti e altra oggettistica in ceramica come tazze e tazzine, pirofile e statuette del presepe. Nell’immondizia generica anche gli elementi in vetroceramica o tipo pyrex.

A rendere impossibile il conferimento di queste tipologie di rifiuti nella differenziata del vetro sono alcune caratteristiche chimiche o fisiche, che possono influire negativamente sul recupero dei materiali correttamente raccolti.

22 dicembre 2016
Fonte:
Lascia un commento