Riciclo possibile anche per i pannolini. In Veneto è stato inaugurato, a Spresiano in Provincia di Treviso, quello che viene definito il primo impianto dedicato al recupero dei prodotti assorbenti. A realizzare il progetto sono state la Contarina S.p.A. e la Fater, grazie al co-finanziamento UE (Progetto Recall) e alla collaborazione dell’Istituto di ricerca Ambiente Italia e del Comune di Ponte nelle Alpi.

Pannolini, pannoloni e altri assorbenti per la persona verranno riciclati per estrarne plastica e cellulosa di alta qualità. Materie prime seconde che verranno immesse in nuovi cicli produttivi, come sottolinea il presidente di Contarina Franco Zanata:

Questa sperimentazione rappresenta una grande opportunità per ridurre ancora di più la quantità di secco non riciclabile, basta pensare che da 1 tonnellata di rifiuto si possono ottenere 350 kg di cellulosa e 150 kg di plastica.

Verrà avviata ora una prima fase di sperimentazione con il trattamento previsto di circa 1.500 tonnellate di materiale ogni anno, con un’attesa in termini di volume di rifiuti non conferito in discarica pari a 1.950 metri cubi. Si stima inoltre una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 618.000 Kg/anno.

Un settore quello dei prodotti assorbenti che interessa a livello nazionale, sottolinea in una nota Fater, circa 9000 mila tonnellate di rifiuti conferiti in discarica: circa il 27% dell’indifferenziata totale nella Provincia di Treviso.

25 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento