Torna dal 15 al 15 aprile Riciclo Aperto. L’iniziativa promossa da Comieco aprirà le porte di oltre 90 impianti di raccolta e riciclo di carta e cartone per mostrare cosa accade a tali materiali dopo che sono stati conferiti da privati cittadini e imprese negli appositi contenitori. Possibile inoltre assistere alle varie fasi che ne interessano il recupero.

Riciclo Aperto giunge quest’anno alla sua 15 esima edizione, grazie anche alla collaborazione di Assocarta, Assografici, Federmacero, Unionmaceri e a patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

L’iniziativa promossa dal Consorzio Nazionale per il riciclo e recupero di imballaggi cellulosici, che quest’anno festeggia il suo 30esimo anniversario, punta a mostrare agli italiani gli effetti reali dell’attività di raccolta differenziata. Un’abitudine consolidata per ormai 8 italiani su 10, con un conferimento stimato in 10 tonnellate di macero al minuto. Secondo quanto ha riferito il presidente di Comieco Ignazio Capuano:

Quest’anno Comieco raggiunge l’importante traguardo dei 30 anni di attività. Tre decenni nei quali il Consorzio ha operato insieme ai cittadini, alle istituzioni e all’industria per portare l’Italia sul podio europeo nel riciclo dei materiali. Dopo la siderurgia, l’industria cartaria italiana è il comparto che impiega in valore assoluto il maggior quantitativo di materia prima seconda.

Con lo sviluppo delle raccolte differenziate urbane e grazie al lavoro svolto anche dal nostro Consorzio, l’industria italiana ha potuto affrancarsi dall’importazione di materia prima dall’estero. Oggi la carta da macero rappresenta il 55% della materia prima usata dalle cartiere in Italia per le nuove produzioni.

Una crescita costante per il settore del riciclo in Italia, che negli ultimi 15 anni ha visto passare la percentuale di recupero dal precedente 37% all’attuale 86%. Come ha sottolineato infine Capuano:

Numeri che fanno dell’Italia un’eccellenza a livello europeo e del riciclo di carta un vero e proprio fiore all’occhiello della green economy del nostro Paese.

14 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento