Riciclare il panettone: idee e consigli

Concluse le feste di Natale, tutto è ritornato alla consueta routine: addobbi e decori sono stati riposti nell’armadio e le lucine colorate riposano nella scatola. Avanzi, ricche portate, frutta secca e dolci di stagione sono stati abbondantemente consumati, mentre il regime alimentare è ritornato sui binari consueti, lasciando spazio a diete detox e programmi alimentari drenanti, utili a liberarsi dei chili accumulati. Ma c’è chi, complici i doni sotto l’albero, ha ricevuto panettoni di varia fattura che ancora fanno bella mostra sulla tavola del salotto e nell’armadio della cucina.

=> Scopri il panettone fatto in casa


Consumarli tutti per tempo è stato impossibile e, per questo motivo, il classico dolce di stagione rivendica la sua preziosa presenza. La tradizione suggerisce un consumo entro il 3 febbraio, ovvero la festività di San Biagio, molto amata in particolare a Milano. Secondo l’usanza, mangiare l’ultima fetta proprio in quella data offrirebbe protezione per gola e naso: il santo, un tempo medico, è infatti considerato protettore delle prime vie respiratorie. Ma nel caso il desiderio di mettersi in gioco fosse forte, e la voglia di creare e cucinare ancora intensa, è possibile riciclare e rivisitare il dolce realizzando ricette nuove e davvero intriganti.

Riciclare il panettone: idee dolci

Panettone

Le varianti possono essere tante: dal tiramisù alla semplice farcitura a strati, fino al crumble con l’aggiunta di frutta fresca. Un’idea originale potrebbe essere quella di trasformarlo in delicati muffin. Basta sbriciolare il panettone in una ciotola capiente mentre, a parte in un secondo contenitore, si possono mescolare un uovo, 20 grammi di zucchero di canna, un vasetto di yogurt light e una bustina di lievito o di cremor tartaro. Dopo aver amalgamato il tutto, unite il panettone, mixate e ammorbidite con poco latte – anche di mandorle – quindi aggiungete la frutta tagliata a pezzetti ed eventualmente frullate il composto in modo grossolano. Versate l’impasto nella teglia con i pirottini per muffin e lasciate cuocere a 180° per circa 20 minuti, testando con lo stuzzicadenti.

=> Scopri il panettone vegano con lievito madre


Una variante divertente potrebbe essere quella della torta di mele, aggiungendo anche qualche goccia e scaglia di cioccolato fondente. Invitante anche l’idea di modificare il panettone in uno spiedino, da mixare con frutta fresca impreziosita da una colata golosa di cioccolato fuso, quindi in french toast per una colazione vincente. Basta completare il tutto con succo d’acero o crema leggera, frutta fresca tagliata a fette e una spolverata di cannella.

Versioni salate

Panettone spiedini

Il panettone può accompagnare anche piatti e pietanze non prettamente dolci e identificabili come dessert, per questo è possibile tagliarlo a cubetti o fette sottili e tostarlo al volo in padella con un filo d’olio. L’accostamento con verdure croccanti passate in pastella, oppure cotte alla griglia, risulterà davvero saporito e moderno. Ottima anche la presentazione come tartina per l’antipasto o l’aperitivo: basta tagliarlo sempre a fette sottili da tostare in forno, quindi si completa con formaggio cremoso o panna acida, una fetta di salmone o pistacchi tritati, poi una spolverata di aneto e qualche chicco di ribes o melagrana.

=> Scopri le ricette con gli avanzi di panettone


Il panettone si può far tostare in forno, trasformare in crostini per le vellutate, in pane per toast salati al formaggio, in spiedini salati o, ancora, grattugiare su minestre e risotti di stagione.

8 gennaio 2018
Lascia un commento