Tipico frutto estivo e della bella stagione, il fico si nutre di sole e caldo, donando un prodotto polposo, succoso, saporito e anche idratante. Il fico contiene una buona percentuale di acqua, fibre, minerali quali calcio, potassio, ferro, sodio, fosforo, vitamina A, B6, C, PP, quindi zuccheri. È una fonte naturale di energia e nutrimento, preserva la salute delle ossa e dei denti, oltre a svolgere un ottimo compito come antinfiammatorio. La sua presenza sulla tavola estiva è indiscutibile e importante: è molto versatile e ottimo protagonista di ricette salate e dolci.

I fichi sono gustosi, versatili, nutrienti: trovano spazio in cucina dall’antipasto al dolce come ingredienti principali o co-protagonisti di ricette sane e gustose. In particolare nell’alimentazione vegetariana, dove vengono impiegati con costanza, sia nella versione fresca che in quella disidrata e secca. Il frutto è un ottimo energizzante da servire anche durante le colazioni, per partire con la carica giusta. Favorisce la digestione ma possiede anche blande proprietà lassative, se consumato fresco possiede un impatto calorico medio. L’apporto aumenta con il frutto essiccato, per questo chi è diabetico e segue un regime alimentare preciso potrà consumarlo in modo sporadico e con moderazione.

Crostini con formaggio e fichi

  • ricotta fresca o feta;
  • 6 fichi;
  • rosmarino;
  • timo;
  • erba cipollina;
  • olio extravergine d’oliva;
  • pane casereccio;
  • sale e pepe q.b.

Tagliate il pane a fette spesse, quindi rendetelo croccante in forno oppure in padella. A parte aromatizzate 8 cucchiai di olio con rosmarino fresco, timo e sale. Mescolate il tutto in una ciotola, unite il formaggio morbido amalgamando. Stendete uno strato sul pane e adagiate i fichi, precedentemente privati dalla pelle e tagliati a spicchi. Rifinite con un filo d’olio, una spolverata di erba cipollina e pepe. Per una variante gustosa è possibile tagliare i fichi in orizzontale creando più strati alternandoli con fette di formaggio caprino o a pasta morbida, insaporite singolarmente con un pizzico di maggiorana, coriandolo o basilico e un filo d’olio. Si servono accompagnati a grissini al sesamo.

Uno spiedino potrebbe diventare un altro mini antipastino veloce: basta alternare sullo stecco di legno i fichi tagliati a metà con cubetti di feta e mozzarelline ciliegine. Un filo d’olio, per finire qualche goccia di aceto balsamico e rosmarino fresco. Se invece volete rinfrescare i palati, nulla di più indicato di un’insalata di rucola fresca, fichi sbucciati e tagliati a pezzi, noci, pinoli tritati grossolanamente e qualche cubetto di brie. Quindi un filo d’olio, sale e pepe q.b. Questo frutto saporito si può utilizzare anche come farcitura delle focacce e delle pizzette, oppure come ingrediente per piadine facili accompagnate da formaggi morbidi e verdura fresca. Ma anche semplicemente con un filo di miele in compagnia di pane croccante, o sotto forma di confettura morbida per formaggi a pasta molle.

Pasta fichi, ricotta e porri

  • 350 g di pasta;
  • mezzo gambo di sedano;
  • 1 porro;
  • 8 fichi;
  • pinoli;
  • rosmarino;
  • ricotta dura;
  • pepe e sale q.b.;
  • olio extravergine di oliva.

Cuocete la pasta in acqua bollente e salata mentre, a parte, fate saltare velocemente in padella i pinoli tritati. Versateli in una ciotola, aggiungete in padella il sedano e il porro tagliati sottilmente. Lasciateli ammorbidire con un filo d’olio e poca acqua di cottura della pasta, unite rosmarino, sale e pepe q.b. Quando il sugo si sarà leggermente ristretto, versate la polpa dei fichi e lasciate insaporite mescolando il tutto. Scolate la pasta e unitela ai pinoli, amalgamate il sugo e mescolate per insaporire il tutto. Completate con una grattugiata di ricotta dura versata a pioggia su ogni piatto.

Con i fichi si possono preparare un’infinità di piatti, ad esempio un risotto saporitissimo con l’aggiunta di gorgonzola, torte salate, dolci, composte e gelati. Quindi contorni veloci e di impatto, come mini tartine con cipolla rossa e peperoncino, oppure farcire le cipolle con fichi e amaretti. Per una ricetta molto invitante, basta cuocere le cipolle grosse in forno eliminando successivamente la buccia, svuotandole dal ripieno per creare uno spazio per il ripieno. Si trita la polpa amalgamandola con caprino fresco (oppure crescenza), qualche amaretto spezzettato, polpa di fichi, noci, pinoli, timo, pangrattato e una spolverata di noce moscata. Farcite le cipolle con il composto, disponete in una pirofila in forno e inumidite con un mestolo di brodo di verdure, olio d’oliva e un pizzico di miele, sale e pepe. Coprite con carta stagnola e lasciate cuocere per 20 minuti a 180°. Eliminate la carta e proseguite con la cottura per 10 minuti irrorando con altro brodo.

31 luglio 2015
Lascia un commento