Ad oggi spendere poco è diventato un miracolo, si vorrebbero sperimentare mille e più ricette ma i prezzi sono troppo alti.

Si esce per fare la spesa e 100 euro si dissolvono come niente, ritrovandosi alla fine ad aver comprato poche cose e ad aver speso tanto. Il trucco però sta tutto nel saper gestire le cose e andare a caccia di offerte, optando per una spesa intelligente e perché no, anche per i discount, grandi alleati della spesa economica e spesso anche di qualità, basta saper scegliere. La spesa va gestita anche dopo averla portata a casa. Difatti, se a pranzo o cena avanza qualcosa, tali alimenti spesso possono essere mangiati anche il giorno dopo, anzi, spesso risultano più buoni. Meglio non buttare niente nei limiti del possibile. Ecco qui delle ricette per un menù settimanale economico e gustoso.

Domenica: spesso nella fretta, dopo una giornata di lavoro ci si trova a tornare a casa con il pollo della rosticceria. Una pietanza amata da grandi e piccoli e buona anche il giorno dopo. Farlo in casa è facile e di certo meno dispendioso, in media un pollo intero al supermercato costa intorno ai 4 euro. Prepararlo è semplicissimo bastano poche spezie e un pollo intero. Il processo è semplice: basta lavare il pollo, insaporirlo con le spezie e lasciarlo a riposo nel frigo per 4/6 ore. E poi chiaramente cucinarlo in forno.

Lunedì: non c’è nulla di più facile, fresco, veloce e salutare di un’insalata. Il rapporto qualità prezzo è ottimo e gli ingredienti da comperare sono pochi. ad esempio un’insalata di mais e fagioli neri verrebbe a costare intorno ai 2,50 euro e prepararla è facilissimo. Basta un po’ di olio, l’aceto e il sale. A chi piacciono si possono aggiungere anche le spezie come il pepe o il coriandolo.

Martedì: la pasta, il piatto più amato degli italiani e anche quello più presente nell’alimentazione. La si può fare in tutte le salse e in tutti i tipi. Un esempio è la pasta con i broccoli. Il condimento si può trovare anche in barattolino già pronto al prezzo di 2,50 euro, mentre per la pasta, nei discount il prezzo si aggira attorno ai 0,34 euro.

Mercoledì: cosa c’è di più buono del pane? Il bello è che lo si può fare nei modi più bizzarri. Un esempio è il pane alla banana. Gli ingredienti sono pochi e semplici e con una spesa minima di 4 euro il tutto è realizzabile. Il procedimento è molto semplice, basta unire al normale composto per fare il pane, una purea di banane e il gioco è fatto.

Giovedì: un altro tipo di insalata è la Roquefort. Che prende il nome da uno dei principali ingredienti, il formaggio Roquefort. Unite al formaggio ci sono poi le pere, l’avocado e le noci condite con i soliti aceto, sale e anche zucchero.

Venerdì: teneri, dolci, soffici e buonissimi. I cupcakes o muffin stimolano l’acquolina di grandi ma soprattutto piccini. Il procedimento è semplice e i modi in cui farli sono svariati, alla banana, al cioccolato, alla fragola, e via dicendo: insomma, ce n’è per tutti i gusti. Se proprio non si vuol perdere tempo ai fornelli si possono comprare anche già pronti in confezioni da 4 al prezzo di 2 euro.

27 marzo 2013
Lascia un commento