Ricette con la curcuma

La curcuma è una spezia che deriva da una pianta della famiglia Zingiberaceae, le sue radici possiedono una colorazione intensa che sfuma dal giallo verso l’arancione. Quando è matura viene raccolta, e le radici vengono pulite e bollite quindi essiccate al sole o in forno. Segue una macinazione finissima che porta alla polverizzazione dal colore intenso. Molto famosa in India, ma anche nella cucina mediorientale, vegetariana e del sud-est asiatico, viene impiegata in molte ricette alimentari e mediche. Le sue qualità e proprietà sono vaste, in particolare la predisposizione a contrastare le infiammazioni interne al nostro organismo.

Non solo protagonista della cucina vegetariana ma anche della medicina. Secondo molti studi la curcuma risulterebbe essere un valido antiossidante (=> Scopri le altre proprietà curative della curcuma), in particolare il principio attivo cioè la curcumina sarebbe in grado di bloccare l’azione di un enzima responsabile dell’attivazione e sviluppo di alcuni tumori. è un’instancabile alleata della salute, oltre a far parte del gruppo di spezie che compongono il masala cioè il curry fondamentale per le ricette indiane.

>> Leggi le nostre proposte di ricette vegetariane

Cos’è e dove si compra la curcuma

La curcuma, come anticipato, è una spezia che deriva da una pianta della stessa famiglia dello zenzero. Ma si differenza da questo sia per il colore che per il sapore, inoltre ne esistono circa 80 varietà diverse. Solitamente è reperibile sotto forma di polvere ed è acquistabile nei negozi bio e in quelli specializzati. Ma anche nei vari shop alimentari etnici di origine indiana e asiatica, dove il costo risulterà molto più basso e l’offerta leggermente più varia.

A differenza del curry molto più intenso, la curcuma possiede un gusto più basico e leggermente muschiato. La sua colorazione in polvere spesso è utilizzata per la tintura dei tessuti di cotone e seta, in particolare nella cultura indiana come cosmetico in occasione dei matrimoni. Ma anche nella religione buddista dai monaci, i quali sono soliti decorare e colorare le loro vesti grazie alla curcuma. Il suo giallo intenso e caldo richiama alla mente quello dello zafferano, e per questo è nota anche come zafferano delle Indie.

>> Vai alla guida sulla dieta vegetariana

Curcuma in cucina: le ricette

La curcuma è ricca di oli essenziali e stimola la funzione epatica, oltre a favorire la depurazione e il controllo del peso. Viene spesso impiegata per arricchire il sapore di piatti di origine indo-asiatica, ma negli ultimi tempi ha fatto ingresso anche nelle cucine nostrane. Come anticipato è un sapore basico ma non privo di gusto, bensì particolare e intrigante. Può aumentare le qualità di piatti quali zuppe, primi piatti, contorni, a base di pesce e carne, formaggi, frutta ma anche insalate e verdure. è spesso utilizzata per insaporire il riso basmati e come base per condimenti con più ingredienti.

Una ricetta facile da realizzare in poco tempo, e con un basso dispendio economico, è il già citato:

Riso basmati con curcuma e zucchine ingredienti

  • 2 bicchieri di riso basmati
  • 4 bicchieri d’acqua
  • 4 zucchine
  • prezzemolo fresco
  • cipolla
  • curcuma in polvere
  • sale, olio e pepe nero q.b.

Tagliate mezza cipolla a fettine sottili, quindi pulite le zucchine dalle estremità e tagliatele a cubetti piccoli oppure à la julienne. Versate tutto in una padella con un filo d’olio d’oliva e lasciate ammorbidire con un poca acqua. Quindi mescolate e saltate il tutto per circa 15 minuti a fuoco molto basso. A parte cuocete il riso basmati in acqua, appena sarà cotto unite la curcuma a piacere (massimo tre cucchiaini per una colorazione intensa). Unite il tutto alle zucchine cotte, aggiungendo un trito corposo si prezzemolo. Mescolate facendolo saltare velocemente sul fuoco, spegnete e aggiungete una spolverata di pepe e un ultimo giro d’olio.

>> Leggi le informazioni per un catering vegetariano e vegan

In alternativa potete realizzare gli spaghetti integrali allo zafferano delle indie, preparando una porzione di pasta da 80 gr, formaggio grana e pecorino q.b., pepe, olio e curcuma. Cuocete la pasta in acqua bollente salata, scolatela quindi grattugiate a vivo il grana e il pecorino. Aggiungete una spolverata di pepe e un filo d’olio extravergine. Per la curcuma: potete stemperarla in poco acqua bollente e farla saltare in padella con gli spaghetti, oppure versare la polvere sulla pasta mescolando il tutto per amalgamare.

Se amate il formaggio, anche quello veg di soia, potete creare un olio invitante mescolandovi mezzo cucchiaino di curcuma e pepe nero. Versatelo delicatamente sul formaggio tagliato a cubetti, oppure amalgamatelo a un impasto morbido e cremoso. Il composto è ideale per condire anche le uova sode, dalle quali potrete recuperare il rosso da mescolare all’impasto per farcire l’albume e rifinire con erba cipollina sminuzzata sottile.

>> Leggi la ricetta del cous cous alle verdure

Con la curcuma si può insaporire anche il cous cous, oppure le verdure saltate in padella e ammorbidite con poca panna vegetale. Ma creare anche bevande salutari ed energizzanti, come ad esempio un tè speziato alla cannella, curcuma, zenzero e cachi tagliati a fette sottili e miele.

Frullato disintossicante ingredienti

  • 1 banana matura
  • mezza tazza di mango tagliato a cubetti
  • una tazza di succo d’arancia
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • un quantitativo pari a un acino di zenzero fresco
  • mezzo cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1/4 di latte di cocco (in barattolo)
  • mezza tazza d’acqua.

Frullate insieme la banana, il mango, lo zenzero fresco sbucciato con l’olio di cocco, il succo d’arancia e la curcuma. Quando il tutto si sarà polverizzato finemente aggiungete il latte di cocco e l’acqua, quindi frullate un’ultima volta e servite con una cannuccia.

7 febbraio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento