Il ribes rosso è comunemente utilizzato per la preparazione di sciroppi, dolci o per il consumo diretto, soprattutto in estate. Non tutti sanno, però, come questa bacca presenti delle specifiche proprietà terapeutiche, che lo rendono l’ingrediente perfetto per molti rimedi naturali.

Coltivato in tutta Italia, il ribes rosso – il cui nome scientifico è Ribes Rubrum – è una bacca prodotta da una pianta delle sassifragacee, una famiglia di arbusti che si caratterizza per frutti a capsula o dalle piccole dimensioni. La raccolta avviene da giugno a settembre e l’assunzione è quasi sempre immediata – in macedonie oppure in sciroppi e dolci – perché le bacche sono delicate e tendono a decadere rapidamente. Di seguito, le specificità per la salute e gli impieghi più diffusi.

Proprietà

Il ribes rosso, così come tutte le bacche in natura, è principalmente composto d’acqua: la quantità può arrivare raggiungere gli 80 punti percentuali. Oltre a questo, presenta un’elevata concentrazione di vitamine del gruppo A, B, C e K, così come minerali come calcio, ferro, sodio, zinco, fosforo e potassio. È utilizzato nella medicina tradizionale e in fitoterapia sin da tempi antichissimi, soprattutto perché pare sia un potente antinfiammatorio, oltre che un ottimo diuretico. Inoltre, sembra che agisca sulla produzione di cortisolo dalle ghiandole surrenali che, pur essendo l’ormone dello stress, è utile per preparare il corpo a combattere infezioni e agendi patogeni esterni. È infine un frutto ben digerito, anche se dati effettivi su eventuali intolleranze non sono disponibili, poiché il consumo è limitato rispetto ad altri capisaldi della nutrizione.

Impieghi

Ribes

Ribes Closeup via Shutterstock

Dalle proprietà antifiammatorie e disintossicanti, così come già accennato, il ribes rosso trova applicazione nei più svariati rimedi della nonna, soprattutto quelli legati alla disintossicazione e alla pulizia dell’organismo. Fra i più comuni si elencano:

  • Apparato urinario: il ribes rosso può essere d’aiuto per tutte quelle infezioni che colpiscono l’apparato urinario, perché contribuisce a regolarizzare la diuresi e ad eliminare le tossine concentrate a livello renale. È altrettanto indicato nei casi di cistite, anche per disinfettare vescica e uretra, così come aiuto per i calcoli renali. L’assunzione in pazienti con difficoltà alla minzione o con funzionalità renale compromessa, però, deve essere fatta esclusivamente sotto consiglio del proprio medico curante;
  • Dolori reumatici: da sempre il ribes è impiegato come lenitivo dei dolori reumatici, soprattutto a livello delle articolazioni. Le sue proprietà sfiammanti, infatti, possono contribuire a tenere a bada fasi acute oppure improvvise recidive;
  • Allergie: l’assunzione della bacca può contribuire a limitare gli effetti delle allergie stagionali o improvvise, perché tende a rendere meno frequenti disturbi come naso chiuso e prurito. Ovviamente l’uso non può prescindere dall’affiancamento con antistaminici o altri farmaci prescritti, soprattutto in quei casi di allergia grave che potrebbero minare fortemente la salute del soggetto affetto;
  • Intestino: ricche di fibre, le bacche di ribes rosso possono aiutare a regolarizzare il transito intestinale, risolvendo quelle situazioni di fastidiosa stitichezza ed agevolando l’eliminazione delle tossine in corpo.

6 aprile 2014
I vostri commenti
Polignano Eluisia, martedì 14 marzo 2017 alle11:15 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere gentilmente se l'estratto di ribes rosso preso sistematicamente ogni giorno può colorare le feci di rosso .Grazie tante

maria, mercoledì 7 settembre 2016 alle20:45 ha scritto: rispondi »

Ho bevuto due bicchieri di succo di ribes rosso,ho fatto male?

luciana, giovedì 16 giugno 2016 alle11:57 ha scritto: rispondi »

mi piacerebbe inn'oltre sapere come conservarlo , al meglio delle sue caratteristiche. posso fare marmellate ,e come? posso metterlo in un vaso con zucchero al sole ,x farne un shiroppo? posso metterlo in frizer? ecc. grazie x la risposta

Lascia un commento