La prevenzione delle malattie che possono colpire i reni inizia a tavola. L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale per garantire la salute di questi organi, che svolgono alcune funzioni essenziali per l’organismo. Consentono l’eliminazione delle tossine dal sangue, trattenendo invece alcune sostanze vitali e regolando il volume dei liquidi del corpo, così come l’equilibrio elettrolitico.

=> Scopri i benefici di acqua e limone


La prima regola da seguire per tutelare la salute dei reni è assicurare all’organismo un adeguato apporto di acqua: bere circa 2 litri di acqua al giorno aiuta a limitare il rischio di calcolosi renale, insufficienza renale e a mantenersi idratati. Questo obiettivo si conquista anche con una dieta ricca di verdura e di frutta che, oltre a favorire idratazione, consentono di assimilare vitamine e minerali.

Abitudini sane

Prima di passare in rassegna gli alimenti che aiutano a prendersi cura dei reni, è utile sottolineare alcune abitudini alimentari che influiscono sulla salute dei reni. Per evitare di sovraccaricare questi organi, è preferibile limitare il consumo di sale e privilegiare le proteine vegetali rispetto a quelle animali. Il mondo vegetale rappresenta una ricca fonte di benessere a livello renale, favorendo la riduzione dell’acidità dell’urina e agevolando il lavoro dei reni. Via libera alle verdure, ai legumi, ai cereali integrali, all’olio extra vergine d’oliva come condimento e alle cotture al forno e al vapore.

Anche fare regolarmente attività sportiva contribuisce a tenere sotto controllo la pressione arteriosa, limitando le probabilità di andare incontro a patologie renali. Altrettanto importante è non abusare di farmaci, anche dei semplici analgesici, attenendosi esclusivamente alle prescrizioni del proprio medico.

Alimentazione

Per disintossicare i reni è importante assumere regolarmente fibre, contenute ad esempio nei cereali integrali. Effetti depurativi caratterizzano il mais e l’orzo, utili per favorire l’eliminazione delle scorie. Per ottenere un maggiore effetto drenante è possibile anche bere l’acqua di cottura dell’orzo.

=> Scopri l’indice glicemico


Le patate, invece, contengono numerosi nutrienti importanti che prevengono la comparsa di calcoli renali, mentre la cipolla e la quercetina contenuta al suo interno ha un notevole potere antiossidante e aiuta ad espellere le tossine.

Verdure

Tra i vegetali più importanti per il benessere dei reni possiamo citare i cavoli, ricchi di fitonutrienti e di vitamine (C, K, B6 e B9) ma poveri di potassio, che in quantità eccessiva può rivelarsi dannoso.  E ancora i peperoni rossi, per il loro apporto di fibre e vitamine, la lattuga e la verza grazie al loro potere disintossicante, il sedano che aiuta a depurare e ha notevoli proprietà diuretiche.

Anche il consumo di aglio può rivelarsi benefico, soprattutto se utilizzato per insaporire i piatti in alternativa al sale, grazie alla presenza di allicina, considerata un antibatterico e antimicotico naturale. Gli asparagi, inoltre, sono noti per la loro capacità di aumentare la produzione di urina e sciogliere i sali che danno origine ai calcoli renali.

Frutta

I mirtilli sono il frutto più diuretico per eccellenza, dotati di un elevato potere disintossicante e rafforzativo. Notevoli benefici è possibile trarre anche dal consumo di fragole, in grado di agevolare l’eliminazione delle sostanze di scarto.

=> Scopri gli effetti della frutta sull’umore


Ottimi per la prevenzione di disturbi come la cistite e i calcoli renali sono anche il cocomero e l’ananas, entrambi ricchi di acqua. Le ciliegie, infine, sono altrettanto diuretiche e povere di ossalati di calcio che favoriscono la formazione di calcoli.

Rimedi fitoterapici

Un aiuto per depurare i reni arriva anche da alcuni rimedi fitoterapici: tra le piante più utilizzate nella preparazione di tisane e infusi benefici per la salute renale compaiono il faggio e la betulla, così come il dente di leone (o tarassaco).

Zenzero e curcuma, infine, aiutano rispettivamente a eliminare le tossine e a prevenire le infezioni renali grazie alle proprietà antinfiammatorie.

14 marzo 2017
Lascia un commento