Il gruppo Renault nel 2013 ha ottenuto il primato europeo per le basse emissioni di CO2 dei suoi veicoli, confermando un dominio acquisito da tempo nel campo delle auto ecologiche. Secondo i dati elaborati dalla AAA-DATA, l’Association Auxiliaire de l’Automobile, in media i veicoli passeggeri della Renault venduti in Europa nel 2013 emettono 114,7 grammi di CO2/km. Gli ottimi risultati nella riduzione dell’inquinamento ottenuti dalla casa automobilistica francese si devono in gran parte all’aumento delle vendite di auto elettriche.

La parte del leone nel raggiungimento di questo importante traguardo l’ha giocata anche il recente lancio di una nuova flotta di veicoli altamente performanti ed efficienti. La Renault ha infatti rinnovato la sua gamma Business con cinque nuovi veicoli, modelli ecologici con valori di emissioni addirittura inferiori ai 100 g CO2/km: la Twingo, la nuova Clio, la Captur, la Mégane e la Dacia Sandero.

Il primato per le basse emissioni, nel segmento delle auto diesel a cinque posti, va alla nuova Clio Energy dCi 90 eco2 che può vantare emissioni inferiori a 83 g CO2/km. Rispetto alla precedente flotta di veicoli ecologici, in media la gamma della nuova Renault Clio ha risparmiato altri 18,5 grammi di CO2/km.

Complessivamente, tra il 2012 e il 2013,  il livello medio di emissioni di CO2 per km dell’intera flotta del Gruppo Renault si è abbassato di quasi 11 grammi, passando dai 125,5 grammi/km del 2012 ai 114,7 grammi/km del 2013. Si dichiara ampiamente soddisfatto di questo risultato il direttore della divisione Ambiente del Gruppo Renault, Jean-Philippe Hermine:

Questa posizione di leadership è la prova che la nostra strategia meccanica, con la gamma di motori Energy, insieme ai veicoli elettrici porta i suoi frutti. Grazie a queste innovazioni, il Gruppo Renault ottiene risultati tangibili e persegue i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile, riducendo significativamente l’impatto ambientale delle proprie attività. Tutto questo è un bene sia per il pianeta sia per i nostri clienti.

4 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento