Lo slogan è: “Folgorati di tutte le facoltà cercasi. L’auto elettrica vuole dare un’opportunità alle vostre idee”. Con esso Renault Italia sfida i giovani neo-laureti e gli studenti all’ultimo annoa farsi avanti e presentare i propri progetti di marketing.

Il concorso si chiamaTwizy for All e prevede la stesura di un piano di lancio di Twizy,uno dei quattro veicoli elettrici che la casa d’oltralpe prevede di lanciare tra il 2011 e il 2012. Il vincitore (o il team di vincitori) non solo potrà far visita alle strutture Renault da osservatore, ma avrà anche un contratto lavorativo di 12 mesi:

“Lo studente o il team composto da massimo tre studenti, che saprà meglio analizzare lo scenario competitivo, sviluppare un piano di lancio basato su tutti gli assi di marketing e mettere a punto la strategia creativa e quella di comunicazione, vedrà premiato il proprio talento con un vero e proprio “inserimento” in azienda: come osservatore, con una visita presso la sede di Losange, centro di Ricerca e Sviluppo Renault in Francia, ma soprattutto come protagonista, con l’assunzione a tempo determinato di 12 mesi presso la Direzione Marketing di una delle aziende italiane del gruppo Renault”

Insomma, un’opportunità lavorativa senza dubbio enorme e un’idea di lancio del prodotto già di per sé notevole. Tra tutti i modelli previsti, infatti Twizy (di fatto una microcar), è senza dubbio quello più orientato verso una clientela estremamente giovane.

Ad ogni modo, la vera grande notizia sono i forti investimenti di Renault verso l’auto elettrica e il suo coraggioso scommettere verso nuove forme di mobilità urbana:

“Con l’iniziativa Twizy for all ci proponiamo di coinvolgere i giovani in una sfida che sta emozionando anche noi; lo sviluppo della mobilità del futuro, una mobilità innovativa ed eco-compatibile. Siamo convinti che Renault Twizy, con la sua originalità e la sua unicità, possa costituire un ponte naturale fra una nuova generazione di talenti e l’attenzione di Renault allo sviluppo di una mobilità all’avanguardia: quella 100% elettrica”

3 febbraio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
R-c-joll, mercoledì 16 marzo 2011 alle11:35 ha scritto: rispondi »

...molte case fingono di essere interessate ai veicoli elettrici ma in ultima analisi vogliono ancora propinare modelli a benzina obsoleti dicendo che il mercato non e' pronto...inoltre hanno paura di perdere il controllo su un mercato dove probabilmente potrebbero nascere nuovi attori oggi non presenti nell'industria dell'auto, per assurdo un veicolo elettrico e' piu semplice , quindi devono trovare il modo di complicare prima un po' i prodotti rendendoli inaccessibili a nuovi concorrenti

Lascia un commento