La Regina Elisabetta saluta il Corgi più anziano

È un momento di nostalgia e tristezza, quello che deve aver coinvolto la Regina Elisabetta negli ultimi giorni. È infatti venuto a mancare Willow, il suo Corgi più anziano, dopo 15 anni di servizio accanto alla sovrana. Elisabetta, da sempre appassionata di cani di questa razza, ha inaugurato la dinastia degli amici a quattro zampe reali nel 1945.

Willow è venuto a mancare a seguito di una malattia connessa all’età: i veterinari, per alleviare le sue sofferenze, hanno infatti deciso di sottoporlo a eutanasia. Sebbene la Regina da sempre si circondi di numerosissimi Corgi, razza di cui è da sempre innamorata, questo esemplare rappresentava il più fedele e il preferito in assoluto. È proprio Willow, ad esempio, che si nota correre accanto a Elisabetta nell’iconico video delle Olimpiadi di Londra del 2012, dove la sovrana si trasforma in una perfetta 007 in compagnia di Daniel Craig.

=> Scopri perché la Regina non adotterà altri Corgi


Con la scomparsa di Willow, a un anno e mezzo dalla morte di Holly, la dinastia dei Corgi della Regina può definirsi ufficialmente conclusa. Elisabetta possiede altri esemplari di questa razza, tra cui i piccoli Vulcan, Candy e Whisper, ma già da tempo la regnante ha deciso di non adottarne più di nuovi, data l’età e le problematiche del Principe Filippo. A meno che la tradizione non venga raccolta da Meghan Markle, la futura sposa del Principe Harry, la quale avrebbe già sviluppato una fortissima sintonia con i cani di corte. Lo stesso Harry, interrogato in una recente intervista, ha espresso il suo stupore: i Corgi tendono a obbedire unicamente alla nonna, eppure hanno dimostrato una predilezione mai vista per la giovane Meghan.

=> Scopri l’addio ai Corgi della Regina Elisabetta


L’amore della Regina per la razza Corgi arriva da lontano: il primo esemplare le fu regalato nel 1945 dal padre, Giorgio VI, a cui Elisabetta era particolarmente legata. Da allora, in quel di Buckingham Palace sono entrati oltre una trentina di rappresentanti a quattro zampe.

20 aprile 2018
Fonte:
Lascia un commento