“Avete già pensato ai regali di Natale?” È una frase che inizia a sentirsi già da Novembre e soprattutto sembra sempre più una minaccia che un amichevole appunto. Il Natale sembra sempre più una corsa al consumismo e sempre meno un’occasione per stare con i propri cari. Ci si riduce così sempre all’ultimo, a stressarsi, col rischio di incartare un paio di forbici prese dal fondo di magazzino…
Però si può agire concretamente per riappropriarsi di quella dimensione di festa. Per assurdo, partendo proprio dai regali!

Ecco cinque semplici idee per manifestare affetto a parenti e amici senza riempire le loro case di inutile clutter!

  1. Regali immateriali
    Il metodo più radicale per opporsi al consumismo rampante è fare un regalo che non sia una “cosa” ma che abbia comunque un significato. Come prenotare una cena in qualche ristorante che il destinatario del regalo voleva provare. Oppure un biglietto per qualche spettacolo al cinema o a teatro. O ancora regalarsi un massaggio in due, oppure una lezione (o un corso intero, qui dipende un po’ dal budget) di qualcosa che sta a cuore a chi lo riceverà (dalla pasticceria alla fotografia, dalla grafica computer alla capoeira, dall’acquerello all’arrampicata, le possibilità sono infinite). Potrebbe essere anche un’ottima scusa per coinvolgere qualcuno in un’impresa in compagnia, e questo sarebbe il regalo più autentico: del tempo da passare insieme.
  2. Oggetti di artigianato
    C’è poi chi non riesce a rinunciare comunque al pacchettino da scartare, allora questa potrebbe essere l’occasione buona per sostenere le produzioni artigianali, scegliendo accuratamente però qualcosa di reale utilizzo. Sotto Natale si trovano mercatini ad ogni angolo e le fiere dell’artigianato spopolano, perché non sostenere la piccola economia e magari anche il commercio equosolidale allora? Dai cosmetici bio agli utensili per cucina, dalle sciarpe agli schiaccianoci, purché sappiate che il regalo non vada a finire immediatamente nella pila del “riciclo”.
  3. Cibo
    Dall’apparenza forse un po’ old fashioned, stanno tornando molto in auge anche i cesti di prodotti alimentari, sempre più apprezzati fra l’altro i prodotti biologici e tipici locali. Di certo è sempre una bella sorpresa aprire la dispensa e trovare una bottiglia di vino particolare, oppure passare l’inverno scaldandosi con le zuppe trovate nel pacchetto.
    Se poi siete versati in cucina, potete preparare voi dei biscotti o delle bottiglie di liquori da regalare, delle conserve di verdure o dolcissime marmellate. Quando si tratta di cucina, come sempre, l’unico limite è la fantasia e regalare qualcosa di confezionato a mano è anche un modo di dire “ho dedicato tempo e impegno pensando a te”.
  4. Libri
    Questo punto forse esula un po’ dal discorso non consumistico, eppure trovo che ci sia sempre il libro giusto per tutti, dall’appassionato di sport al libro di fiabe da leggere tutti insieme sotto l’albero. Inoltre, ormai, anche gli ebook possono essere un regalo più che gradito… sia a chi lo riceve sia alle tasche di chi lo regala!
  5. Beneficenza
    Infine un bellissimo regalo, che fa bene a più di una sola persona, è la beneficenza: una donazione a nome di qualcuno, un addobbo per l’albero il cui ricavato va ad associazioni benefiche, le scelte sono infinite, basta fare un giro per strada e quattro chiacchiere con i volontari infreddoliti, oppure scegliere online le associazioni e le cooperative che più vi sono affini. È semplice, è rapido e, come già detto, fa del bene a più di una persona!

20 dicembre 2013
Lascia un commento