Solitamente la vigilia delle feste, per tradizioni religiose, impone l’astinenza dalla carne. Rispetto a ieri, oggi esiste una differente consapevolezza alimentare, volta a scelte di tipo cruelty free. In virtù di questo, anche i giorni “di magro” possono divenire opportunità per un piatto gustoso basato su ottimi frutti della terra: ecco, allora, una ricetta vegan dei ravioli, che si avvale soprattutto di zucca e zucchine. Il condimento consigliato in questa preparazione è abbastanza leggero, ma si può sostituire con del brodo vegetale in caso si preferisse un piatto ancor più digeribile. Naturalmente, questa ricetta è tanto buona e colorata, che si può consumare per tutto l’anno.

Per preparare questa ricetta vegan occorre un raviolatore. In commercio ce ne sono di differenti: alcuni sono multipli e prevedono delle scanalature all’interno di matterelli, altri sono singoli e servono per tagliare il raviolo praticamente a mano. Poi esistono raviolatori multipli rettangolari molto pratici, che assomigliano un po’ alle vaschette per i cubetti di ghiaccio: basterà scegliere il modello che fa al caso nostro. Nella preparazione non viene specificata la farina occorrente: il gusto e l’esperienza di ognuno sarà un’ottima guida nella scelta.

Ingredienti e procedimento

Ingredienti:

  • 1 zucca non molto grande;
  • 100 g di tofu;
  • 4 zucchine;
  • 350 g di pomodorini ciliegino;
  • 500 g di farina;
  • acqua q.b.;
  • olio extravergine d’oliva q.b.;
  • sale q.b.

Procedimento:

Pulire la zucca e tagliarla a cubetti fino a 400 g di peso. In una pentola con abbondante acqua bollire i cubetti, finché non iniziano a sfaldarsi. Scolare quindi la zucca e passarla in uno schiacciapatate. Intanto spezzettare il tofu, che andrà mescolato alla zucca, in modo da ottenere un ripieno che abbia una consistenza morbida ma compatta.

Preparare la sfoglia di pasta. Molto semplicemente, si deve aggiungere dell’acqua alla farina scelta, mano a mano che si ottiene un impasto che possa risultare malleabile, ma non colloso. L’impasto va poi steso finemente con un matterello.

Se si usa un raviolatore multiplo a mano, si stende un primo velo di pasta, si inserisce l’amalgama di zucca e tofu negli spazi appositi – anche se sono coperti dalla pasta – per poi stendere un secondo velo. A questo punto, si deve passare il matterello, in modo che i due veli si uniscano, trattenendo il ripieno all’interno e dividendo i ravioli l’uno dall’altro. È meglio avvolgere i ravioli in un po’ di farina, per farli seccare affinché non siano collosi.

Se si usa un raviolatore singolo a mano, invece, si ritaglia un cerchio di pasta, si inserisce l’impasto e si chiude ripiegando e passando il raviolatore per il bordo, quest’ultimo solitamente a zig zag.

I ravioli, una volta pronti, si bollono in abbondante acqua salata e si scolano quando sono pronti. Ci vogliono davvero pochi minuti, dato che la zucca all’interno è già cotta e la pasta fresca ci impiega pochissimo per raggiungere l’edilità.

Per il condimento si lavano e si tagliano a fette le zucchine, mentre i pomodorini si lavano e si tagliano a metà o in quattro parti, se lo si preferisce. In una padella con un fondo d’olio extravergine d’oliva, si saltano questi due ingredienti conditi con sale. La ricetta vale per 4 persone, il piatto va servito caldo.

24 dicembre 2015
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Daniela, sabato 30 gennaio 2016 alle9:44 ha scritto: rispondi »

Sono molto interessata alle vostre ricette. Voglio il piu possibildiventpiue vegetariana ed imparere a cucinare vegano perche sento che mi fa bene e specialmente la carne ultimamente trovo disagio mangiarla come nn prendo piu latticini ne caffe ne zucchero.

Lascia un commento