Sono in totale 13 le tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche raccolte a Milano in dieci mesi, mediante l’iniziativa sperimentale RAEE Parking. Una raccolta itinerante operata mediante l’impiego di un cassonetto automatizzato in cui confluire dispositivi di piccole e medie dimensioni: dai telefoni agli elettrodomestici, dai computer alle lampadine.

=> Leggi il rapporto 2017 di Ecodom sugli italiani e i RAEE

Il progetto è stato messo in campo grazie alla collaborazione tra l’amministrazione della città meneghina, AMSA, il Gruppo A2A e il consorzio Ecolight, da marzo 2016 a gennaio 2017, toccando cinque zone diverse del capoluogo lombardo. Contestualmente al tour di quella che può essere definita come un’ecoisola itinerante è stato proposto il concorso preMIami, mettendo in palio dodici biciclette elettriche a pedalata assistita.

=> Scopri come smaltire i RAEE con la guida online Ecodom e Cittadinanzattiva

Nove sono state assegnate ai cittadini “più ricicloni” dei nove municipi milanesi, mentre i vincitori delle altre tre sono stati estratti a sorte fra tutti coloro che hanno conferito almeno un rifiuto elettronico, al RAEE Parking oppure registrandosi alla postazione mobile del CAM di AMSA.

Tra gli obiettivi del progetto c’è quello di fare informazione e sensibilizzare sul tema: capita ancora troppo spesso che, anziché essere conferiti e smaltiti in modo corretto, i RAEE finiscano insieme ai rifiuti indifferenziati. Ecco il commento di Marco Granelli, Assessore all’Ambiente del Comune di Milano:

Grazie ai cittadini che hanno utilizzato questo servizio contribuendo ad aumentare la quota di rifiuti riciclabile e complimenti ai campioni che oggi riceveranno la bicicletta. Queste iniziative sono utili per aumentare ancora di più la sensibilità di tutti. So che l’impegno di Amsa ed Ecolight continueranno.

Queste le zone toccate dal tour del RAEE Parking: giardini Montanelli, via Bisi Albini, via Quarenghi, viale Legioni Romane e via Oglio. La realizzazione è stata curata da Ecolight, come parte del progetto europeo Identis WEEE. Tutto ciò che viene richiesto ai cittadini, per poterne usufruire, è la registrazione mediante la tessera sanitaria.

22 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento