Cresce la raccolta differenziata dei RAEE secondo il Consorzio Remedia. La quota 2016 ha segnato la cifra record di oltre 67 mila tonnellate di rifiuti elettronici sottratti allo smaltimento illegale, per un incremento rispetto al 2015 del 68%.

=> Leggi l’impatto degli smartphone sui RAEE secondo il rapporto Greenpeace

A crescere è soprattutto la raccolta dei RAEE provenienti dai nuclei familiari (58.219 tonnellate, +75% rispetto al 2015), a cui vanno a sommarsi quelli da fonti professionali come aziende ed enti pubblici (5.556 tonnellate) oltre a 3.450 tonnellate di “pile e accumulatori industriali e per veicoli”. La puntualità di ritiro è stata del 99% per i rifiuti elettronici domestici e del 97,27% per le pile portatili.

=> Italiani poco informati sui RAEE secondo Ecodom, leggi i risultati dell’indagine

Entrando nelle specifico delle diverse categorie di RAEE si può notare il sostanziale raddoppio della quota riservata agli R3 (TV e monitor), che passano da 13.527 tonnellate (2015) a 27.215. Bene anche gli R1 (Freddo e clima), che crescono del 54% fino a toccare quota 16.161 tonnellate.

Buona, anche se più contenuta in termini di numeri assoluti, la crescita delle altre categorie: gli R4 (Informatica, elettronica di consumo e piccoli elettrodomestici) segnano 9.201 tonnellate per una crescita del 46%; gli R2 (Grandi Bianchi) 5.590 tonnellate (+92% rispetto al 2015); R5 (Sorgenti luminose) 52 tonnellate (+9%).

A livello geografico spicca la Lombardia, prima per quantitativo raccolto (10.327 tonnellate, +59%). Seguono la Campania con 6.287 tonnellate e il Veneto con 5.089. Come ha dichiarato Danilo Bonato, direttore generale di Consorzio Remedia:

Siamo orgogliosi del ruolo che il Consorzio sta acquisendo nell’ambito della comunità dei Produttori e del sistema RAEE nel solo primo trimestre del 2016 oltre 400 aziende nazionali e internazionali sono entrate a far parte del Consorzio, portando il numero di produttori aderenti a oltre 1.500 e designando Remedia quale principale consorzio italiano multifiliera per la gestione dei RAEE e delle Pile.

Per gestire con efficienza ed elevata qualità questo importante incremento di volumi possiamo contare su una eccellente rete di partner, su innovativi sistemi informativi per la tracciabilità dei rifiuti e sull’esperienza di Remedia TSR, la società operativa del Consorzio impegnata nello sviluppo di servizi per la valorizzazione di rifiuti nell’ottica di un’economia circolare.

Il nostro obiettivo per il 2017 è confermare il trend positivo di quest’anno, sviluppando la nostra attività in un percorso di crescita continua e costante nell’interesse di tutti gli stakeholder. In questo contesto, la partnership internazionale con la società di servizi WEEE Europe avrà un ruolo particolarmente rilevante.

8 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento