L’Associazione Italiana Retailer Elettrodomestici Specializzati e il Consorzio Remedia attivo nella gestione dei RAEE hanno siglato un accordo per aumentare la quantità di piccoli apparecchi domestici raccolti nei punti vendita e avviati a riciclo.

L’intesa si avvarrà del servizio di ritiro uno contro zero per incrementare le tonnellate di PAED (Piccole Apparecchiature Elettroniche Domestiche) sottratte alla discarica e allo smaltimento illegale.

=> Leggi le disposizioni in vigore dal 22 luglio sull’Uno contro Zero

Le apparecchiature elettriche ed elettroniche di piccole dimensioni a fine vita potranno essere consegnate nei punti vendita degli associati Aires delle catene Euronics, Expert, Trony-Sinergy e Unieuro. I consumatori potranno consegnare le PAED direttamente al rivenditore e senza obbligo di un nuovo acquisto, a patto che i negozi abbiano una superficie di almeno 400 metri quadrati.

Grazie all’accordo i consumatori potranno contare su 1.500 nuovi punti di raccolta in cui riconsegnare vecchi cellulari, piccoli elettrodomestici da smaltire e qualsiasi RAEE con una dimensione inferiore ai 25 centimetri.

L’intesa avvicinerà l’Italia agli obiettivi sulla raccolta dei RAEE previsti dall’UE per il 2019, che prevedono il recupero dell’85% dei rifiuti elettronici generati dai consumatori italiani.

=> Raccolta RAEE in aumento nei primi 6 mesi del 2016, leggi i dati

L’accordo tra Aires e il Consorzio Remedia mira a colmare le lacune nella raccolta delle PAED accumulate dall’Italia. Oggi nel nostro Paese si recupera appena 1 kg di piccole apparecchiature elettroniche domestiche a fronte di 6 kg immessi sul mercato, per un totale di 37 mila tonnellate all’anno.

La media europea è decisamente più alta, pari a 1 kg ogni 4 messi in commercio. Il direttore generale di Remedia Danilo Bonato ha lodato l’impegno ambientale dei grandi brand:

Grazie al servizio uno contro zero gli associati Aires avranno un ruolo fondamentale per il raggiungimento di risultati sempre migliori, anche per i rifiuti elettronici di piccole dimensioni.

Il presidente dell’Aires Alessandro Butali ha invitato clienti e operatori a collaborare per raggiungere gli obiettivi comunitari sulla raccolta dei RAEE. Gli associati si sono detti motivati a superare gli scogli del percorso di adeguamento al decreto sui RAEE approvato a luglio:

La strada è lunga e comporta un notevole sforzo da parte della distribuzione tutta, che di fatto assume un ruolo nuovo, con tutte le conseguenze, anche logistiche, che questo comporta, ma siamo pronti e questa collaborazione con Remedia garantisce un prezioso supporto alle nostre imprese.

16 novembre 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento