Raccolta e riciclo batterie: al via contest Una Pila alla Volta

Raccolta e riciclo delle batterie al centro dell’iniziativa “Una Pila alla Volta“. In vista della “Giornata europea della raccolta e il riciclo delle batterie”, prevista per sabato 9 settembre, il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA) ha lanciato, in collaborazione con UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e Civicamente, e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. In palio un montepremi complessivo di oltre 55 mila in buoni acquisto, da spendere per l’acquisto di attrezzature didattiche e sportive.

La presentazione di “Una Pila alla Volta” si è tenuta oggi a Roma. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare ragazzi e ragazze sulla corretta gestione dei rifiuti di pile e gli accumulatori, oggetti che devono essere propriamente smaltiti e non affidati alla spazzatura indifferenziata. A spiegare tali procedure la “mascotte” della campagna, il robot B.En.

Chi può partecipare e come funziona il contest

A partire da oggi potranno iscriversi al concorso squadre composte da 6 a 10 giovani nati tra il 2003 e il 2006, ai quali dovrà unirsi un tutor maggiorenne. Al momento dell’iscrizione ciascuna formazione dovrà decidere se partecipare alla sezione “scuola-cultura” o “sport-tempo libero”. A partire da settembre 2017 e fino a marzo 2018 i vari “team” saranno chiamati ad affrontare diverse sfide, che avranno come tema comune la raccolta differenziata di pile e accumulatori portatili: un quiz riguardante le batterie; la creazione di una scultura con le pile scariche abbandonate in casa; la realizzazione di uno spot video o una canzone sulla raccolta differenziata; una caccia al tesoro per individuare i contenitori per la raccolta differenziata di pile.

=> Leggi i dati CDCNPA sulla raccolta pile in Italia

Ogni sfida dovrà essere documentata attraverso immagini fotografiche, video o con audio; tali contenuti andranno poi caricati sulla piattaforma ufficiale del contest (www.unapilaallavolta.it). Sfruttando strumenti quali Facebook, Instagram o Twitter i giovani potranno coinvolgere i loro amici e follower nel concorso e grazie alle loro preferenze scalare la classifica del proprio girone.

I gironi verranno formati su base territoriale, in base alle seguenti indicazioni geografiche: Nord-Est, Nord-Ovest, Centro, Sud e Isole maggiori. Verranno premiate le prime 3 classificate in ciascun raggruppamento, per un totale di 15 squadre premiate nella categoria “scuola-cultura” e altrettante per quella “sport-tempo libero“.

Premi in palio ed evento finale

Alla squadra vincitrice del girone spetterà un premio di 2.500 euro in buoni acquisto, di 1.500 per la seconda classificata e di 1.000 per la terza. A questa prima fase seguirà un evento finale, previsto per maggio 2018 e che avrà luogo a Como, città natale di Alessandro Volta e luogo simbolo per le pile e gli accumulatori. Parteciperanno le migliori 10 squadre, individuate in base ai piazzamenti ottenuti nei rispettivi gironi, che saranno sottoposte a nuove sfide. In palio un ulteriore voucher, per ciascuna categoria, del valore di 2.500 euro.

Influencer, Youtube e social network

A guidare i giovani in sfide sempre più impegnative sarà una squadra di influencer e youtuber. A cominciare da GoldenGianpy, star di YouTube a cui è stato chiesto di spiegare attraverso un video, presentato in anteprima durante la conferenza stampa di presentazione, il funzionamento della campagna. A partecipare all’iniziativa anche Dread, Valeria Angione e Johnny Creek.

=> Scopri le nuove pile che si autoalimentano grazie ai batteri

Una sfida che si trasferirà ben presto alla sfera “online”, dove utilizzando l’hashtag #UnaPilaAllaVolta i ragazzi coinvolti potranno diffondere i contenuti realizzati. Inoltre sulla pagina FB “Una Pila alla Volta” si potranno seguire le numerose attività organizzate a livello territoriale, mentre su Twitter l’account è @CDCNPA_. Grazie all’hashtag #UnaPilaAllaVolta si potrà ‘cinguettare’ interagendo con il Centro di Coordinamento. Iniziativa presente anche su Instagram (account UnaPilaAllaVolta) e YouTube. Importanza dei social network per il raggiungimento degli obiettivi della campagna sottolineato anche da Giulio Rentocchini, presidente CDCNPA:

In Italia stiamo facendo uno sforzo enorme per raccogliere in modo differenziato le pile e gli accumulatori portatili, nonostante questo la quantità avviata al riciclo non è ancora sufficiente e negli ultimi anni abbiamo registrato un leggero calo. Per questo abbiamo deciso di trasmettere un messaggio semplice: le batterie non vanno gettate con la spazzatura indifferenziata ma nel contenitore a loro dedicato.

Per far passare questo messaggio abbiamo deciso di investire sulla risorsa più importante che abbiamo: le nuove generazioni Le ragazze e i ragazzi coinvolti nel contest nazionale, dovranno riunirsi in squadre perché è solo insieme che si può vincere la sfida della sostenibilità. Attraverso i canali social spiegheranno, con il loro linguaggio, caricando foto, video e audio, agli amici e alle loro famiglie come funziona la raccolta delle pile e qual è il percorso virtuoso per riciclarne le singole componenti.

L’iniziativa rappresenta inoltre, ha sottolineato il presidente della VIII Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci, un passo importante per il coinvolgimento della società civile e dei giovani su temi legati all’economia circolare:

La campagna ‘Una Pila alla Volta’ è un’iniziativa importante per coinvolgere la società civile e in particolare i giovani sull’economia circolare.  Differenziare i rifiuti, recuperare e riciclare i materiali è strategico per la tutela dell’ambiente e anche per l’economia.

Un fronte che già oggi disegna una filiera produttiva innovativa, che è un pezzo importante dell’economia del futuro e sul quale bisogna investire con più ‘visione’ e convinzione. Siamo campioni europei nell’industria del riciclo, recuperiamo 47 milioni di tonnellate di materiali risparmiando energia primaria per oltre 17 mln di tonnellate equivalenti di petrolio, e tuttavia molta strada si deve ancora fare in questa direzione. Per un’Italia più green, sostenibile e innovativa.

7 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento