Il 2014 è stato un anno positivo per la raccolta differenziata della carta e del cartone. Lo rivelano i dati presentati ieri al Teatro del Centro della Terra di Expo 2015 da Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica. Dal 20esimo Rapporto annuale del Consorzio emerge che lo scorso anno in Italia sono state raccolte ben 3,1 milioni di tonnellate di carta e cartone.

Rispetto al 2013, la raccolta differenziata di carta e cartone ha fatto registrare un incremento del 4%, pari a 120 mila tonnellate in più raccolte. L’incremento maggiore è stato registrato al Sud, a quota +10,6% rispetto al 2013. Il merito va soprattutto alla Campania, dove la raccolta differenziata della carta e del cartone è cresciuta del 17,6%.

Al Nord la crescita rispetto al 2013 è stata più contenuta, pari all’1,6%, trainata dalla Liguria, regione in cui l’incremento è stato del 6,7%. Al Centro si è registrato un aumento della raccolta differenziata di carta e cartone del 4,7%. I risultati migliori sono stati registrati in Lazio, con un incremento del 6,7%.

Dal report di Comieco emerge che ogni italiano mediamente raccoglie poco meno di 52 kg di carta e cartone all’anno. Il primato spetta agli altoatesini a quota 83,1 kg, seguiti a ruota dagli emiliani a 81,8 kg e dalla Valle d’Aosta che si ferma a 73,5 kg.

Il Sud purtroppo resta ancora molto indietro, con appena 29,9 kg pro capite di carta e cartone raccolti ogni anno. Il consorzio Comieco si dice preoccupato soprattutto dal trend negativo registrato in Sicilia. Nel 2014 nella Regione meridionale si è registrato un netto decremento della raccolta differenziata di carta e cartone, pari al 7,1% in meno rispetto al 2013. Il Consorzio nei prossimi mesi concentrerà maggiori sforzi proprio nelle Regioni meridionali per colmare il divario con il Nord Italia.

A illustrare i progetti di Comieco per il 2015 è il presidente del Consorzio Ignazio Capuano:

Abbiamo messo a punto un vero e proprio Piano per il Sud, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, con una dotazione economica di 7 milioni di euro per aiutare i Comuni con deficit di raccolta.

A questi fondi vanno ad aggiungersi altri 2 milioni di euro, stanziati da un bando indetto insieme all’ANCI per sostenere la raccolta differenziata di carta e cartone nei piccoli Comuni che fanno più fatica ad adeguarsi.

7 luglio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento