Brutte nuove sul fronte Quarto Conto Energia. Se ieri vi avevamo segnalato le prime polemiche sia sul merito dei tagli – per quanto traspare dalla bozza circolata nei giorni scorsi – sia e soprattutto sul ritardo increscioso con cui questa legge verrà presentata, oggi dobbiamo registrare il grandissimo rischio di nuovi slittamenti.

Doveva, infatti, essere pronto tutto per domani, 14 aprile. Senonché, l’ultimissima notizia parla di uno slittamento della Conferenza Unificata Stato-Regioni in materia di fonti rinnovabili da domani al 20 aprile. Probabile, quindi, uno slittamento ulteriore nella presentazione della bozza definitiva.

Dietro questi ritardi, però, potrebbe anche nascondersi una difficoltà dell’esecutivo a tirar dritto con la sua politica di tagli indiscriminati, a fronte di un settore che nelle sue controproposte ha dimostrato molta maturità e lungimiranza – e che ha minacciato a più voci ricorsi al TAR e ai tribunali europei; non mancano nostri colleghi che ipotizzino, addirittura, un’accettazione delle proposte di ANIE/GIFI, anche se, data la china presa, noi preferiamo non sbilanciarci. Forse sapremo qualcosa in più proprio domani, al convegno organizzato a Napoli dalla stessa GIFI.

Resta il disappunto, a poco più di un mese e mezzo dall’uscita di scena del Terzo Conto Energia (prevista dal decreto Romani per la fine di Maggio), per un ritardo legislativo destabilizzante e, francamente, irresponsabile.

Speriamo vivamente di essere smentiti domani. Continueremo a tenervi aggiornati.

13 aprile 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
maria, mercoledì 13 aprile 2011 alle10:06 ha scritto: rispondi »

Speriamo che il ritardo, sia causato da qualcuno che fa resistenza contro i tagli e non come purtroppo penso,perchè sono tutti troppo impegnati a modificare leggi a vantaggio di qualcuno. Lo spettacolo che si vede per adesso in parlamento è terribile.

Lascia un commento