Continuano i dubbi e le incertezze sulle pratiche burocratiche relative al Quarto Conto Energia. Il GSE, come detto, ha da poco diramato le regole per i finanziamenti ai grandi impianti. Ma laddove si dovevano chiarire i punti oscuri, nuove ombre sono apparse.

Così ANIE/GIFI, pur apprezzando lo sforzo, non può fare a meno di chiedersi, visto la possibilità di cospicui aiuti statali in caso dell’utilizzo di tecnologie fotovoltaiche di origine europea, come dovrebbero fare le imprese a garantire tale origine. Il problema, questa volta, è soprattutto una questione di tempo:

Rileviamo inoltre l’impossibilità per i produttori EU di moduli e inverter di produrre da subito i certificati di ispezione di fabbrica e le etichette sui prodotti conformi alle indicazioni del GSE.

Senza contare, i problemi dovuti al fatto che quella in questione sia comunque una norma transitoria:

Per risolvere la situazione, l’associazione propone nientemeno che una proroga/deroga:

Al fine di dare il tempo a tutti i produttori EU di adeguarsi alle nuove regole e non bloccare il mercato, al MSE e al GSE abbiamo proposto la presentazione di una dichiarazione sostitutiva in attesa della certificazione richiesta e una deroga di qualche mese per la modifica sulle etichette dei prodotti.

Dati i ritardi con cui si è mosso fin’ora il gestore, temiamo però che tale deroga possa difficilmente arrivare in tempo. Ovviamente, con l’auspicio di essere presto smentiti dal GSE.

18 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento