L’universo dei social network ha un nuovo protagonista animale e, come spesso accade, si tratta di un irresistibile gatto. I felini sono da sempre campioni di condivisioni e dibattiti in rete, tanto che si stima almeno il 15% di tutti i video disponibili online siano proprio dedicati a un felino. La tornata virale odierna non fa eccezione, tuttavia questa volta propone un simpatico quesito visivo: quanti gatti riuscite a vedere nell’immagine?

Lo scatto, sebbene circoli da diversi anni, ha fatto la sua apparizione ieri sulla piattaforma Reddit, per poi trovare una via d’accesso agli altri social network, quali Facebook, Twitter e Instagram. Ritratto nell’immagine un singolare esemplare, dal manto davvero insolito: propone, infatti, un’inedita illusione ottica.

=> Scopri l’illusione ottica del cane e del cuscino


Osservando attentamente il dorso del felino, ci si accorge come il colore del pelo ricrei perfettamente la sagoma di un gatto grigio. Dal contrasto tra il manto bianco e quello colorato del quadrupede, si può individuare il muso dell’esemplare fittizio poco sotto al collo di quello reale, per un corpo pronto a tratteggiarsi lungo l’intera colonna vertebrale dell’ignaro ospite. La vera particolarità, però, è nella coda, capace di aumentare a dismisura il realismo di questa illusione ottica.

Al momento, non è dato sapere dove questa immagine sia stata scattata, né l’origine del singolare felino. Considerato come lo scatto circoli ormai da tempo, nonché come gli eventuali proprietari non abbiano confermato online l’accudimento dell’animale, non si può escludere si tratti di un randagio incontrato fortuitamente per strada oppure di uno dei tanti mici che vivono nelle numerose colonie feline sparse per il mondo.

=> Scopri l’illusione del gatto nella legna


Come già anticipato, l’immagine è divenuta immediatamente virale sui social network, dove sta raccogliendo consensi in tutto il mondo. In particolare in Giappone, dove l’amore per i gatti si è trasformato in anni recenti in vera e propria mania.

31 agosto 2017
Fonte:
Lascia un commento