Il purè, o purea di patate, è un contorno classico e molto veloce da preparare. La realizzazione contempla pochi ingredienti, in particolare le patate, che conferiscono a questa ricetta proprietà nutrizionali importanti. Il purè è una ricarica di potassio, vitamina C e carboidrati complessi, che garantiscono energia al corpo. Nonostante l’aspetto semplice, la purea combatte i radicali liberi, l’ipertensione, le infiammazioni intestinali e favorisce la digestione. È indicata per chi soffre di diabete grazie ai carboidrati complessi, che aiutano a scomporre gli zuccheri rilasciandoli lentamente e gradualmente nel corpo.

Si prepara velocemente, può contemplare la presenza di burro oppure presentarsi in una variante più light, vegan e salutare. Ideale come compagno per piatti che contemplano intingoli, sughi e sale cremose. Ma ottimo anche da solo, nonché una golosità molto amata da grandi e piccini. Tipico del periodo invernale, il purè può trovare spazio anche sulla tavola estiva, in tandem con verdure scottate servite tiepide. Anche la variante vegan, quindi senza prodotti e derivati animali, è saporita e molto invitante. Sicuramente meno pesante da digerire e più leggera.

Purè, la ricetta

La ricetta base comprende la presenza di latte, burro e patate, ovvero la base per un ottima purea. Ma è possibile creare una variante più leggera utilizzando alternative valide e meno complesse.

Ingredienti:

  • 500 grammi di patate;
  • burro, circa 50 grammi, in alternativa margarina o burro di soia;
  • latte q.b. oppure mezzo bicchiere di latte di riso, di avena o di soia;
  • noce moscata e sale q.b.;
  • pepe, dado vegetale e prezzemolo a piacere.

Lessate le patate in acqua leggermente salata quindi scolate, lasciate raffreddare ed eliminate la buccia. Schiacciatele in una ciotola capiente con la forchetta oppure con l’apposito schiacciapatate, versate nuovamente il tutto in un pentolino o casseruola posizionandolo su fiamma bassa. Aggiungete il latte e il burro, mescolando con cura per evitare la formazione di grumi. Oppure utilizzando una frusta lasciando amalgamare e cuocere per circa 6 minuti. In questo modo, la purea diventerà più soffice e morbida. Quando sarà pronto, versate una grattugiata abbondante di noce moscata e servite. Per una variante golosa è possibile aggiungere una punta di dado vegetale durante la cottura, lasciandolo sciogliere nel composto, quindi rifinire con prezzemolo o erba cipollina e una spolverata di pepe. Se non amate il burro e le sue alternative, aggiungete un filo d’olio d’oliva.

Varianti saporite

Si può creare la purea anche senza utilizzare i latticini oppure i derivati animali, magari creando un brodo vegetale con poche verdure e insaporendo con aglio e timo. Filtrate, quindi versate il tutto in un pentolino con le patate schiacciate, mescolate come già illustrato aggiungendo un filo d’olio. In questo modo il brodo svolgerà il compito del latte, facendo risultare il preparato più delicato, morbido e leggero. Rifinite a piacere con noce moscata e pepe. Ma se non amate le patate potete preparare la purea con le carote, oppure fave, piselli, zucchine, fagioli bianchi, ceci, zucca,lenticchie rosse, spinaci, cavolfiore, barbabietola e tutto ciò che la vostra fantasia potrà suggerire.

15 giugno 2016
Lascia un commento