Il prurito intimo è un fastidio che può colpire sia uomini che donne. Differenti sono spesso le cause nei due diversi generi, anche se esistono alcune problematiche comuni in grado di portare alla manifestazione di tale disturbo.

Sia per quanto riguarda gli uomini che le donne, il prurito intimo si caratterizza per tre differenti tipologie di manifestazione del fastidio: acuto, cronico e ricorrente. Nel primo caso la comparsa è rapida, come di solito è il suo decorso. Questo in quanto alla sua origine vi sono dermatiti o infezioni.

Il tipo “cronico” è tipico di alcune patologie di carattere cutaneo e tende a permanere per un periodo più lungo di tempo, mentre il prurito ricorrente ha alcuni tratti in comune con il fastidio “acuto”, ma tende a ripresentarsi nel tempo.

Cause del prurito intimo maschile

Come in parte già accennato nella descrizione delle differenti tipologie di prurito intimo, tra le cause scatenanti di questo problema vi sono infezioni, dermatiti da contatto e patologie cutanee. Si manifesta per lo più nella zona genitale e inguinale e può essere originato anche da psoriasi ed eczema.

Tra le possibili cause negli uomini anche l’Herpes o patologie più gravi come la scabbia e i pidocchi del pube, trasmissibili per via sessuale o per contatto tra elementi di biancheria intima. Posta l’importanza di una visita dermatologica, che dovrà escludere le forme più gravi, alcuni consigli e rimedi naturali possono favorire una più rapida risoluzione del disturbo.

Consigli utili e rimedi naturali per combattere il prurito intimo

Fermo restando che per una effettiva risoluzione del problema è sempre bene intervenire sulla causa specifica alla sua origine, alcuni consigli e rimedi naturali possono aiutare a controllare l’intensità del prurito. Questo eviterà in particolare di aggravare lo stato della zona intima con un eccessivo sfregamento.

A cominciare dall’abbigliamento, che è bene sia composto per quanto riguarda l’intimo da indumenti in cotone (meglio se boxer), mentre per quanto concerne i pantaloni è bene non siano troppo stretti all’altezza dell’inguine. Anche la scelta del detergente è importante, quindi optare sempre per un prodotto che rispetti il pH della pelle nella zona intima.

Un metodo per calmare il prurito consiste nel mescolare due cucchiai di amico di riso o farina d’avena in 5 litri d’acqua. Una volta pronta si otterrà una lozione da applicare sulle parti intime per lenire il fastidio. Utile in alternativa anche un impacco di camomilla o di tea tree oil, da applicare sulla parte interessata con un panno pulito di cotone.

Il tea tree oil è indicato soprattutto, così come l’aceto bianco, in caso di prurito intimo originato da infezioni fungine. Un esempio può essere la candida, che può colpire in alcuni casi anche l’uomo. Qualora succeda ricordarsi di tenere sempre alti i livelli di vitamina C, un’altra ottima alleata nel contrastare tale disturbo.

1 settembre 2014
I vostri commenti
Francesco, domenica 2 ottobre 2016 alle15:56 ha scritto: rispondi »

Ciao vorrei un consiglio da un mese o Poco più ho un fastidioso prurito alle parti intime e sulla pelle ci sono macchie bianche ho preso anticotici e sto mettendo anche la pomata travocort ma nn vedo miglioramenti mi potete aiutare

Antonio, venerdì 13 maggio 2016 alle7:37 ha scritto: rispondi »

Anch'io ho un prurito intimo ormai da un bel po' di mesi solo che non sono mai andato dal medico perché mi vergogno. Il prurito si fa più insistente di notte ed è localizzato nello scroto, poi avvolte la pelle si squama, insomma non posso più andare avanti in questa maniera perché la vita così mi sta diventando veramente invivibile. Chiedo a qualcuno un consiglio magari un nome di una pomata da chiedere al farmacista senza dilungarmi troppo appunto nello specifico e che ovviamente si possa avere senza ricetta spero.

carmelo, domenica 13 marzo 2016 alle18:53 ha scritto: rispondi »

per favore aiutatemi ho da molto tempo un prurito diffuso in tutto il corpo ,ma localizzato nel inguine e sotto lo scroto ,anche di notte potrei usare una crema per la pelle per calmare questo fastidio ?? grazie

carmelita22, martedì 4 novembre 2014 alle16:27 ha scritto: rispondi »

Per il prurito intimo che mi causava la candida, io ho trovato la miglior soluzione nell'uso delle mutandine in fibroina di seta medicata dermasilk. Il tessuto è molto morbido quindi non irrita assolutamente le delicate parti intime e soprattutto evitava la sensazione di sfregamento che mi portava a grattarmi. Inoltre questo tessuto dermasilk è molto molto traspirante perciò mantiene la zona intima asciutta, cosa molto importante quando hai delle problematiche. Poi molto beneficio l'ho trovato nell'usare saponi neutri non profumati, perchè anche il rispetto del ph influisce sulla sensazione di prurito. Questi piccoli accorgimenti si sono rivelati fondamentali per me.

Lascia un commento